"I bisogni del Paese sono i grandi assenti dalla crisi di governo". Intervista ad Annamaria Furlan, 'L'Eco di Bergamo' del 26 gennaio 2021

Furlan studio"E' il Papa a richiamare le priorità della persona, del lavoro e soprattutto della fraternità, concetto fondamentale in questo momento. La fratellanza è impegnativa: significa essere responsabili del bene comune e vivere le differenze anche come arricchimento. Esattamente il contrario di quanto sta avvenendo in diverse parti del mondo. Si tratta di un appello forte, anche per chi si occupa di politica e sindacato, a lavorare per il bene comune. (...) Papa Francesco definisce le parti sociali “costruttori di pace sociale” e “artigiani di pace sociale”. Ritengo che il nostro ruolo si debba incardinare in queste importanti parole. L’enciclica ci indica obiettivi sul lavoro, sul rispetto della persona e dell’ambiente: dovremmo leggerla attentamente, nella consapevolezza di tradurre nella pratica quotidiana gli indirizzi del Pontefice. (...) Mi hanno colpito alcuni passaggi dell’enciclica decisamente attuali rispetto a quel che stiamo vivendo, ad esempio la caduta del senso di responsabilità. Da qui avverto l’urgenza della fratellanza, che ci vuole responsabili degli altri nel nostro agire: un valore sia come testimonianza sia come operosità. (...) Da sempre proponiamo un patto sociale, un'alleanza forte che coinvolga Governo, Regioni, attori sociali e la crisi lo rende ancora più impellente. Il Recovery fund è una possibilità straordinaria per cambiare l'Italia e dare un futuro alle giovani generazioni: queste risorse vanno spese bene fino all'ultimo euro.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (l'eco di bergamo.pdf)Eco di Bergamo624 kB

Stampa