"Non ha senso fermare il Paese, la riforma sta migliorando, protesta sul contratto statali", "La Repubblica", 19 Novembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


Il segretario generale della Cisl respinge l'ipotesi di aderire allo sciopero generale gia' annunciato dalla Cgil e sostenuto anche dalla Uil sulla manovra. "Non ci sono motivazioni valide per fermare il paese. Per la Cisl gli scioperi generali si fanno solo su obiettivi precisi: lo diciamo da sempre. In questo caso, invece, sarebbe solo inopportuno e inefficace: la motivazione è troppo debole. Il Jobs act in fondo sta cambiando in meglio. Faremo invece lo sciopero generale per il rinnovo del contratto del pubblico impiego".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (repubblica-19-nov-2014.pdf)repubblica-19-nov-2014.pdf252 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa