"Un milione di ricatti sessuali sul lavoro. Rompiamo l'omertà". Intervista ad Annamaria Furlan, "Il Dubbio" 25 novembre 2017

furlanbis25 novembre 2017.  "La strada verso la libertà da ogni sopruso e violenza resta l'atto primario della denuncia. Attraverso il caso Weinstein molte donne hanno visto spaccarsi il guscio della vergogna, quello in cui si sono rinchiuse e continuano a richiudersi per paura di restare sole, senza sotegno sociale e o familiare. Oggi però c'è una maggiore consapevolezza nella società su questi reati. Dobbiamo dare tutti un taglio al silenzio. Questa è la battaglia comune che bisogna portare avanti. Spetta anche al sindcato far si che la violenza non resti nascosta, continuando e rafforzando la nostra opera quotidiana per un cambiamento culturale che metta al centro la tutela della persona a partire proprio dai luoghi di lavoro, perchè una società più consapevole dei suoi problemi è già a metà strada rispetto alla loro soluzione"

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (il dubbio.pdf)Il dubbio618 kB

Leggi anche:

"Adesso basta, aiutiamo tutte le donne". Intervista ad Annamaria Furlan, "Avvenire" 25 novembre 2017
25 novembre 2017. "Il cambiamento passa anche attraverso il linguaggio. Credo sia una questione di tempo, più avremo donne che svolgono ruoli un...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.