Basilicata. Filca, Fillea e Feneal regionali scrivono ai senatori lucani per cambiare la norma dell’Ape social per i lavoratori edili

Potenza, 1 dicembre 2016. Le segreterie regionali dei sindacati edili Filca Cisl, Fillea Cgil e Feneal Uil hanno inviato una lettera ai senatori lucani in vista del passaggio al Senato della legge di stabilità 2017 per sollecitare modifiche alla cosiddetta Ape Social, ovvero la misura che dovrebbe consentire ad alcune categorie di lavoratori di andare prima in pensione. I segretari regionali Michele La Torre, Enzo Iacovino e Cosimo Paolicelli evidenziano nella lettera indirizzata ai senatori lucani che “i requisiti di accesso, pari a 36 anni di contributi e 6 anni continuativi, sono per gli edili dei paletti insormontabili. Il lavoro edile è frammentato, precario per eccellenza, legato alla durata delle opere e dei lavori, perciò la carriera contributiva è caratterizzata da ripetuti periodi di vuoto, e questo impedisce di fatto ai lavoratori delle costruzioni di raggiungere i requisiti previsti. In Basilicata - continuano i tre sindacalisti - gli edili over 60 attivi, cioè effettivamente al lavoro, sono circa un migliaio, ai quali si aggiungono coloro che al momento non stanno lavorando per mancanza di occupazione e non possono andare in pensione. Queste persone sono quotidianamente sui ponteggi, nelle gallerie, sui macchinari, mettendo a rischio la loro vita”. I segretari di Filca, Fillea e Feneal sottolineano inoltre che “moltissimi sono gli infortuni sul lavoro nel settore in Basilicata, con ben sei incidenti mortali dall’inizio dell’anno, concentrati sulla fascia di età over 45. Gli edili hanno bisogno di risposte e per questo - scrivono La Torre, Iacovino e Paolicelli ai senatori lucani - vi chiediamo di recuperare gli emendamenti approvati in commissione lavoro alla Camera e poi cancellati, e rivedere la misura dell’Ape per agevolare questa categoria di lavoratori. Si tratta di un atto di giustizia che renderebbe sostanziale ciò che così com’è resterà sulla carta”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa