• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Veneto. Bonan: "Rievocata autonomia federalista"

Belluno, 19 ottobre 2017. L'election day del 22 ottobre nel breve periodo non cambierà le sorti del Veneto, né tantomeno quelle di Belluno, perché si tratta di un referendum consultivo, dunque giuridicamente non vincolante. Certo è che, in caso di superamento del quorum e di vittoria del Sì, il governatore del Veneto avrà dai cittadini la delega piena per definire gli ambiti di autonomia legislativa – e vedremo quali e quanti - e andare a trattare con Roma. Trattativa che, come è noto, la Regione Veneto avrebbe potuto aprire nel 2001, più di sedici anni fa, quando la riforma del titolo V della Costituzione introdusse, con l’articolo 116, la possibilità, per le amministrazioni regionali, di chiedere maggiori competenze e particolari condizioni di autonomia in alcune materie. Così come è noto che dal 2001 in poi, i diversi Governi che si sono succeduti hanno snobbato la questione, e che nel 2006, con il referendum per la riforma costituzionale che dava maggiori poteri allo Stato, il Sì ha vinto solo in Veneto e Lombardia. Ora, la rievocata necessità in Veneto di una maggiore autonomia federalista, ovvero trattata con lo Stato centrale, trova l’accordo di molti. L’aspetto che accomuna i due eventi referendari del 22 ottobre – quello regionale e quello bellunese - è la ricerca dell'autonomia per il legittimo bisogno dei territori di ottenere risposte più veloci da parte dei livelli superiori, spesso responsabili di una lentezza burocratica inaccettabile per quanto ostacola lo sviluppo e la vitalità dei territori. La Cisl è per sua origine federalista. L'intero Statuto della Cisl è costruito sul concetto di federalismo: l'unione territoriale è un insieme di federazioni e i diversi territori godono di autonomia economica e organizzativa. Essere autonomi significa prima di tutto assumersi la responsabilità delle scelte che si compiono ogni giorno per tutelare i lavoratori, i pensionati e le loro famiglie, senza possibilità di scaricare le colpe su qualcun'altro, come troppo spesso fa la politica. Allo stesso tempo, oggi più che mai, non c'è responsabilità politica se manca la connessione reale con il territorio e con il contesto europeo. In questo senso però il referendum veneto distrae dalla questione più importante, ossia la necessità dei territori di avere gli strumenti e le risorse necessari che permettano investimenti e crescita attraverso il lavoro, l'innovazione e la tecnologia, in un contesto che è sempre più globale e nel quale non serve l’isolamento, ma le alleanze e i negoziati aperti a tutti: enti locali, istituzioni e soggetti socio-economici del territorio e delle zone confinanti. È evidente il maggiore bisogno di risorse anche del bellunese, necessità che non può e non deve rimanere inascoltata. Fintanto che non ci saranno le condizioni politiche, invito tutte le parti sociali a continuare a praticare l’autonomia esercitando a pieno la responsabilità su questioni fondamentali non più procrastinabili, quali lo sviluppo industriale locale, delle infrastrutture e del mercato del lavoro, l’occupazione dei giovani, la ricollocazione di chi ha perso il lavoro e la salvaguardia del nostro sistema sociale, sanitario ed economico, affinché questo profuso bisogno di crescita del territorio non sia disatteso.

Leggi anche:

CISL VENETO.  Fare rete per riprendere la via della crescita CISL VENETO. Fare rete per riprendere la via della crescita
11 maggio 2017. Si è concluso con la riconferma di Onofrio Rota alla guida dell'organizzazione, il XII Congresso della Cisl Veneto cui hanno...

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa