• Grandi temi
  • Europa - Mondo - Politiche migratorie

Piano nazionale antitratta. Le proposte di modifica di Cgil, Cisl, Uil

22 Maggio 2017. Nel Mondo, secondo i dati dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil, periodo 2000-2010) sarebbero circa 21 milioni le vittime di tratta per sfruttamento sessuale e lavorativo. In Europa, nel 2012, secondo Amnesty International si sono registrate 800.000 vittime. Un fenomeno quello della tratta che segue anche il continuo aumento degli sbrachi di migranti e profughi in fuga da guerre e fame. In Italia, secondo recentissimi dati diffusi da Mani Tese, sfruttamento e tratta riguarderebbero tra le 50 e le 70.000 donne e circa 150.000 uomini.  Questi sono i dati che Cgil Cisl Uil riportano nella loro proposta di modifica del “Piano nazionale d’azione contro la tratta e il grave sfruttamento 2016-2018”, entrato già  in piena fase attuativa.

Prevenzione, azione penale, protezione e assistenza delle persone trafficate, cooperazione con i Paesi di origine della tratta i quattro ambiti d’intervento del Piano di cui la Cisl sta seguendo tutte le diverse fasi di applicazione elaborando al tempo stesso insieme a Cgil e Uil un Documento Unitario contenente specifiche proposte di modifica e suggerimenti, anche in vista dell’adozione del secondo Piano nazionale, che partirà nel 2018. 

 

 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Documento-Cgil-Cisl-Uil-Piano-antitratta.pdf)Documento Cgil Cisl Uil Piano antitratta397 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa