Formazione. Furlan: "Tema centrale per la crescita del paese e per la competitività delle imprese. Servono risorse effettive"

Fondimpresa1Roma, 19 settembre 2019.  "Nel nostro paese manca una cultura della formazione continua. Come attori sociali dobbiamo rivendicare con forza che la formazione per la crescita e lo sviluppo del paese non è residuale. Servono azioni concrete perché questo diritto non sia solo formale". E' quanto ha dichiarato la Segretaria generale della Cisl, Annamria Furlan, intervenuta al Convengo per i 15 anni di Fondimpresa "Il futuro del sapere, aziende e lavoratori nella trasformazione".

"Purtroppo -ha proseguito Furlan- il tema della formazione non è all’ordine del giorno nel dibattito politico e culturale, tanto che abbiamo visto di finanziaria in finanziaria tagliate le risorse per la formazione. Questo è stato un errore grave, speriamo che ora le cose cambino. Se si è fatto qualcosa sulla formazione continua lo si deve al lavoro dei fondi interprofessionali, che meritano più rispetto perchè garantiscono la conoscenza e la diffusione della cultura del lavoro. La formazione è centrale per la crescita del paese e per la competitività delle imprese e dobbiamo pretendere risorse effettive e ribadire la centralità della formazione nel messaggio culturale e nei processi di crescita del paese".

Stampa