Lavoro. Furlan: "Non dimenticare il sacrificio di Massimo D’Antona intellettuale libero e servitore dello Stato"

DAntona20 Maggio 2020 -  “Non dobbiamo mai dimenticare il sacrificio di Massimo D’Antona un intellettuale libero e servitore dello stato ‪ucciso 21 anni fa dalla nuove brigate rosse per aver sostenuto la necessita’ di riformare il mondo del lavoro con il dialogo tra le istituzioni e le parti sociali. Un’esigenza attuale per cambiare in meglio il paese, tutelare la persona ed il lavoro”.

 

Lo scrive su twitter la Segreteria Generale della Cisl, Annamaria Furlan ricordando la figura del giuslavorista assassinato a Roma il 20 maggio 1999.

Stampa