Whirpool. Sbarra: "Chiusura stabilimento Napoli, scellerata ed ingiustificata. Il Presidente Conte convochi subito un incontro"

Roma, 23 ottobre 2020- “Il Governo , le forse politiche nazionali e le istituzioni locali mettano in campo ogni iniziativa utile a far rientrare la multinazionale nel solco della responsabilità sociale e degli impegni presi sullo stabilimento di Napoli”.

 

"La Cisl chiede al Presidente del Consiglio di convocare al più presto un incontro con il Sindacato per discutere della vertenza Whirlpool". Lo afferma Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto Cisl. “Condividiamo e sosteniamo la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori e delle Federazioni Fim - Fiom e Uilm contro le decisioni irresponsabili e scellerate di un'azienda che ha tradito gli impegni sottoscritti nel 2018 e nel 2019. Una posizione cinica e ingiustificata, anche rispetto alle reali condizioni di mercato. La multinazionale deve tornare ai contenuti di quegli accordi, dare continuità alla produzione, rilanciare innovazione e ricerca, e salvaguardare tutta l'occupazione dello stabilimento produttivo napoletano. Chiediamo al Presidente Conte di esercitare tutte le prerogative di cui dispone per rimettere sui giusti binari il confronto. Il Mezzogiorno industriale richiede segnali forti, specialmente in questa drammatica fase. Non accetteremo mai che si faccia macelleria sociale sulla pelle dei lavoratori, la nostra mobilitazione non si fermerà”.

Leggi anche:

Whirlpool. Cisl e Fim: “Il Governo garantisca la continuità della produzione e l’occupazione. Gli accordi vanno fatti rispettare dall’azienda” Whirlpool. Cisl e Fim: “Il Governo garantisca la continuità della produzione e l’occupazione. Gli accordi vanno fatti rispettare dall’azienda”
30 ottobre 2020 - Si è appena concluso via web l’incontro tra Governo e sindacati per la vertenza Whirlpool del sito di Napoli. Presenti il...

Stampa