1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Categorie ed Enti CISL
  6. »
  7. Banche. Gruppo Ubi, un successo i...

Banche. Gruppo Ubi, un successo i presidi. First Cisl: no alle esternalizzazioni

Roma, 13 settembre 2019 – Successo di partecipazione per i presidi indetti dai sindacati contro le esternalizzazioni decise da Ubi Banca. Questa mattina, nelle piazze di Bari, Bergamo, Brescia. Chieti, Cuneo, Jesi, Milano, Pesaro, Arezzo e Torino, lavoratori e sigle del credito hanno fatto sentire la loro voce contro il progetto formalizzato dai vertici del .gruppo.

“Il tema delle esternalizzazioni è da tempo un problema centrale per il sindacato del settore credito – sottolinea Sabrina Brezzo, segretaria nazionale First Cisl – proprio per questo abbiamo inserito l’argomento del rafforzamento dell’area contrattuale nella nuova piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale. First Cisl ha espresso, fin dal ricevimento della relativa informativa, la sua contrarietà alle cessioni di rami di azienda deliberate da Ubi. Per questo motivo abbiamo chiamato oggi i lavoratori alla mobilitazione in tutte le otto piazze interessate attraverso l’organizzazione di assemblee e presidi. Ci aspettiamo che il gruppo Ubi faccia chiarezza rispetto alla reale portata di queste operazioni ed al progetto industriale complessivo nel corso dell’incontro previsto il 17 settembre tra organizzazioni sindacali e vertici aziendali. Esprimiamo vicinanza ai lavoratori direttamente coinvolti. Assicuriamo – conclude Brezzo – tutto il nostro impegno per ottenere tutele e garanzie che riducano gli impatti derivanti dall’operazione”.

“Il momento che stiamo attraversando a livello economico è particolarmente complesso, riorganizzazioni, ristrutturazioni e acquisizioni sono una costante. Siamo molto preoccupati di assistere a operazioni al di fuori del perimetro di piani industriali in continua evoluzione- dichiara Eliana Rocco, coordinatrice First Cisl del gruppo Ubi Banca . I dipendenti hanno il diritto di conoscere cosa succederà al loro lavoro, quali sono le attività strategiche e, soprattutto, quali sono le opportunità, in termini di risorse e di occupazione, che l’ossessiva contrazione dei costi produce. Come First Cisl chiediamo che la proclamata “responsabilità di impresa” diventi una priorità da sviluppare attraverso la condivisione di un percorso da definire sui tavoli della contrattazione. Le esternalizzazioni sono scelte aziendali giustificate da obiettivi che premiano, prevalentemente nel breve, solo una parte degli stakeholder. Oggi in piazza – conclude Rocco – i lavoratori hanno manifestato il proprio dissenso, sottolineando con il rumore delle loro richieste il silenzio assordante dell’azienda”.

 

Condividi