1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Dai Territori
  6. »
  7. 1° Maggio. Malandra, Cisl Abruzzo Molise:...

1° Maggio. Malandra, Cisl Abruzzo Molise: “Inaccettabili le vittime sul lavoro”

Pubblicato il 27 Apr, 2018

L’Aquila, 27 aprile 2018 – “E’ inaccettabile, che a 10 anni dall’approvazione del Decreto legislativo n.81 del 2008, ci sono ancora vittime innocenti sul lavoro. – dichiara Leo Malandra, Segretario della Cisl Abruzzo Molise – E’ impensabile che le persone muoiano per il lavoro e che si ammalano sul posto di lavoro. Bisogna denunciare e non accettare di lavorare in condizioni pericolose o rischiose. La sicurezza sul lavoro è divenuta una vera e propria emergenza”.
Una nutrita delegazione, guidata dal Segretario generale, composta da dirigenti, delegati, lavoratori, pensionati delle Federazioni e delle Strutture territoriali della Cisl Abruzzo Molise sarà a Prato per partecipare alla festa nazionale del 1° maggio. “Anche la Cisl Abruzzo Molise sarà a Prato per ricordare tutte le vittime dell’Abruzzo e del Molise ma soprattutto dare un segnale forte al mondo della politica, delle imprese e delle istituzioni nazionali e locali, alla scuola e al sistema pubblico, affinché si possa cambiare passo ponendo il tema della tutela salute e sicurezza all’attenzione del mondo del lavoro, ma soprattutto ponendo la centralità della persona nel lavoro”, aggiunge Malandra.

Ecco invece le iniziative previste a livello territoriale. A Pescara verrà riproposta l’iniziativa “il lavoratore ideale”, curata da Cgil-Cisl-Uil e Ugl, insieme con l’Assessorato Provinciale al Lavoro. Saranno consegnati, nella Sala dei Marmi della Provincia di Pescara, riconoscimenti ai lavoratori che si sono distinti per capacità ed impegno sul lavoro e per la sensibilità e l’attenzione dimostrata verso i problemi sociali.
In provincia di Teramo è prevista un’iniziativa unitaria, a Giulianova, dove si è sempre svolta una festa del primo maggio, fin dalla sua istituzione. Nella città teramana è previsto un corteo di cittadini e lavoratori con comizio conclusivo dei Segretari di Cgil, Cisl e Uil dove si parlerà di lavoro, un dramma che stanno vivendo tante famiglie e tanti giovani a causa della crisi economica.

Condividi