1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Dai Territori
  6. »
  7. Dai Territori > Calabria
  8. »
  9. Calabria. Russo (Cisl): “Apprezzamento e condivisione...

Calabria. Russo (Cisl): “Apprezzamento e condivisione proposta attivazione nuovo corso di laurea interateneo in “Medicina e Ingegneria” tra Università della Calabria e Università Magna Graecia”


Reggio Calabria,10.12.2020 –«Esprimiamo apprezzamento e condivisione – dichiarano Tonino Russo, Segretario reggente della CISL Magna Graecia (nonché Segretario generale della CISL calabrese), e Giuseppe Lavia, Segretario generale della CISL di Cosenza – rispetto alla proposta di attivazione del nuovo corso di laurea interateneo in Medicina e Ingegneriatra l’Università della Calabria e l’Università Magna Graecia: un progetto all’avanguardia, una proposta di formazione innovativa che guarda al futuro e che ci auguriamo possa diventare presto realtà. Una proposta interclasse e interateneo con 60 posti aggiuntivi, un metodo esemplare di collaborazione fra due atenei che costruiscono un’importante sinergia in una regione in cui sembra impossibile fare rete per costruire eccellenza ed innovazione.

Quello che è successo, in particolare sul versante sanità, nelle ultime settimane, ha offerto un’immagine devastante di una regione avvitata su sé stessa. La Calabria è altro, è intelligenze, competenze, eccellenze e vanta un sistema universitario che rappresenta un punto di forza da cui ripartire.

Quando due importanti Università, una prestigiosa Scuola di Medicina e Chirurgia come quella della Università Magna Graecia e due Dipartimenti di eccellenza dell’Unical, Farmacia e Ingegneria informatica e modellistica, riescono a fare rete, si getta un seme di speranza per la Calabria e si scrive una bella pagina.

Nel corso della consultazione con le parti sociali e gli Ordini avvenuta oggi in modalità videoconferenza– proseguono Russo e Lavia –, abbiamo espresso apprezzamento per il lavoro dei Magnifici Rettori,prof. De Sarro e prof. Leone, e dei Dipartimenti interessati.

Sono tante le ragioni per cui auspichiamo che il corso di laurea magistrale in 6 anni in Medicina Ingegneria possa essere attivato in tempi brevi.C’è bisogno, infatti, di medici e di figure professionali che abbiano competenze multidisciplinari, in una sanità regionale in cui di medici ne mancano 1410e in cui, a causa del blocco del turn over imposto dal Commissariamento, manca, rispetto al 2010, un medico su quattro. 

Quello proposto è un percorso formativo unico per il Mezzogiorno, che ha in Italia un solo precedente, il progetto Medtec che coinvolge Politecnico di Milano e Humanitas. È, dunque, lo ribadiamo, un progetto innovativo, che coniuga le aree di apprendimento mediche ecliniche con le competenze relative all’innovazione tecnologica, alla medicina di precisione, alla robotica, alla telemedicina e che secondola CISL – concludono i Segretari di CISL Magna Graecia e di CISLCosenza – potrà essere utile per realizzareanche attraverso le nuove tecnologie, una sanità che arrivi sul territorio, consentendo a giovani universitari di costruire nella nostra terra il proprio futuro».

Condividi