1. Casa
  2. /
  3. Notizie
  4. /
  5. Dai Territori
  6. /
  7. Dai Territori > Basilicata
  8. /
  9. Basilicata. Evangelista (Fim Cisl):...

Basilicata. Evangelista (Fim Cisl): “Lavoro. Il 2022 sia l’anno della prevenzione degli infortuni sul lavoro e in itinere”

Pubblicato il 9 Gen, 2022
Sulla sicurezza i lavoratori delle aziende automotive di San Nicola di Melfi ora vogliono una risposta sostanziale con azioni concrete da parte di tutti i soggetti che hanno responsabilità istituzionali. Per garantire la sicurezza dentro e fuori dalle fabbriche servono interventi strutturali”. Lo dice il segretario generale della Fim Cisl Basilicata, Gerardo Evangelista, a pochi giorni dal tavolo convocato in prefettura fissato per l’11 gennaio. “Bisogna passare dalle parole ai fatti”, ammonisce Evangelista, secondo cui “la priorità è dotare di adeguata illuminazione e creare una regolamentazione delle fermate degli autobus e del traffico delle auto nel nucleo industriale e in prossimità delle aree di entrata-uscita in fabbrica. Il tavolo in prefettura per quanto ci riguarda deve essere operativo e deve produrre decisioni per la messa in sicurezza dell’area e per la risoluzione delle molte problematicità più volte denunciate dal sindacato. C’è bisogno di dare una scossa a questa situazione perché è intollerabile lo stillicidio di infortuni, spesso con esito mortale, dentro e fuori le fabbriche, che continuano a mietere vittime e a devastare intere famiglie e affetti. Quanto accaduto a San Nicola di Melfi lo scorso 18 dicembre è ancora più intollerabile perché è stata una tragedia annunciata. I lavoratori di tutto il distretto automotive di Melfi e i colleghi della lavoratrice Rossella dicono basta. Il 2022 deve essere l’anno della prevenzione degli infortuni sul lavoro e in itinere”.

Condividi