1. CISL
  2. /
  3. Notizie
  4. /
  5. Dai Territori
  6. /
  7. Dai Territori > Campania
  8. /
  9. Campania. Cisl Napoli: Comberiati...

Campania. Cisl Napoli: Comberiati eletta segretaria generale. Sbarra: “Investire di più sul Mezzogiorno”

Pubblicato il 9 Lug, 2024

Melicia Comberiati è la nuova segretaria generale della Cisl di Napoli, eletta dal Consiglio generale all’unanimità e alla  presenza del segretario generale nazionale Luigi Sbarra dopo le dimissioni per fine mandato di Gianpiero Tipaldi, nel sindacato dal 1983 e per tre volte a capo del sindacato di via Medina. Rieletto all’unanimità anche il secondo componente di segreteria  Antonio Altobelli.

 La neo segretaria ha ringraziato i presenti “con emozione e responsabilità proseguo il cammino intrapreso da Tipaldi consapevole delle molte sfide che ci attendono e nel portare avanti con impegno le priorità che ci siamo dati: rappresentare i bisogni dei più deboli, presidiare il territorio, consolidare l’azione confederale in un rapporto dialettico costruttivo”, ha affermato.

Comberiati, di origini calabresi, sposata, due figlie e una laurea in giurisprudenza, ha mosso i primi passi nella Cisl calabrese venticinque anni fa, ricoprendo il ruolo di segretaria generale della Fistel di Crotone dopo aver lavorato nella società Abramo Customer Care ex Datel. Poi l’arrivo alla  Cisl Campania nel 2011, dove si occupa di politiche sociali, sociosanitarie, di fisco e fondi europei. Eletta nel 2017 nella segreteria della Cisl di Napoli dal Consiglio Generale viene riconfermata  al Congresso del sindacato di via Medina  nel febbraio del 2022 ricoprendo la carica di segretaria amministrativa,  mercato del lavoro,  politiche sociali,  sanitarie, migratorie,  giovanili, terzo settore, politiche di genere, fondi europei. Come espressione della Cisl è stata eletta portavoce dell’alleanza contro la povertà in Campania, è componente dell’Osservatorio regionale per la disabilità e della cabina di valutazione e promozione delle politiche di welfare in Campania.  Per la sua vasta esperienza nel welfare sociale e nel welfare aziendale è stata nominata componente dell’Osservatorio regionale sull’ economia civile. Tutta la sua azione si concentra sull’attenzione al territorio e sulla relazione con innumerevoli stakeholder. Ricalcando le parole di Tima Anselmi, il suo motto è quello di “esserci per cambiare”. Tipaldi dal canto suo ha ringraziato tutto il gruppo dirigente che in questi anni lo ha coadiuvato nel lavoro di segretario sottolineando come “la nostra forza è lo stare in mezzo alla gente. Lascio una Cisl solida, forte con i suoi 110mila iscritti e unita intorno ad un progetto che porteremo in fondo fino al Congresso.  Il nostro ruolo è rappresentare, il nostro strumento è la concertazione, il nostro obiettivo è l’inclusione, quella vera, quella che costruisce cittadinanza e che esercita la partecipazione. Sono certo che Comberiati perseguirà  gli obiettivi che in questi anni ci hanno visti impegnati ai tavoli di confronto  per contribuire a cercare strategie con interventi che, rilancino l’economia reale e sostengano il welfare locale, pena un inevitabile impoverimento economico e sociale dei nostri territori”. Luigi Sbarra nel concludere il Consiglio ha affermato “Oggi è un giorno di commozione e sentimenti forti per chi lascia e di festa per chi arriva, di un  impegno rinnovato che ha  incardinato la Cisl su solidi binari di innovazione,  di rinnovamento e di rappresentanza dei bisogni dei lavoratori e lavoratrici  scavato bene negli anni da Tipaldi a cui va il mio riconoscimento più alto personale e della Cisl nazionale. Ha saputo tenere unito una rete umana di assoluto valore dimostrando il suo impegno nella costruzione di tanta coesione in un territorio non facile, complesso, come quello partenopeo. Ha dimostrato cosa significa essere sindacalista della Cisl oggi,   un sindacato che racchiude nel suo dna autonomia, riformismo sociale, pragmatismo, partecipazione, contrattazione, ricerca del continuo confronto  con interlocutori pubblici e privati per radicare certezze nelle persone che noi rappresentiamo” ha detto all’assemblea alla  quale hanno portato il loro saluto, tra gli altri, la segretaria generale della Cisl Campania Doriana Buonavita, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, l’assessore regionale alle politiche sociali Lucia Fortini, gli assessori del Comune di Napoli Pier Paolo Baretta e Antonio de Iesu,  altri esponenti istituzionali, i segretari generali di Cgil e Uil Campania e Napoli Nicola Ricci e Giovanni Sgambati, il rettore dell’Università Federico II Matteo Lorito, il direttore dell’Inps di Napoli Roberto Bafundi e altri rappresentanti della cooperazione, degli ambiti territoriali sociali, del terzo settore e del mondo dell’associazionismo.

“Investire di più sul Mezzogiorno dove ci sono straordinarie energie e potenzialità, più potere alle rappresentanze sociali e sindacali del territorio, aumentare la cultura della sicurezza – ha continuato Sbarra dopo  aver augurato buon lavoro alla nuova segretaria Melicia Comberiati “sindacalista giovane, preparata e competente che con la sua energia , la sua passione, le sue grandi capacità di coinvolgere parti sociali, terzo settore, istituzioni, associazionismo, saprà non solo proseguire l’importante azione sindacale della Cisl”.

Condividi