1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Dai Territori
  6. »
  7. Dai Territori > Toscana
  8. »
  9. Toscana. Cisl Firenze – Prato: “La...

Toscana. Cisl Firenze – Prato: “La tutela del lavoro passa da sicurezza e tutela dei diritti. Dopo gli scontri alla Texprint, Cisl e Femca richiamano a un Patto fra istituzioni, sindacati e associazioni di categoria”

Dopo i preoccupanti scontri di ieri alla Texprint, Cisl e Femca-Cisl richiamano tutti gli attori della città ad un presidio più attento sulle regole del lavoro e della sicurezza e chiedono di aprire un percorso nuovo, che con il coordinamento della Prefettura e delle istituzioni – Comune in prima linea- avvii da un lato azioni di controllo più stringenti sulle aziende fuori regola e dall’altro favorisca un’alleanza fra tutte le rappresentanze della città per superare la logica dello scontro e della demonizzazione dell’altro.

“L’episodio di ieri alla Texprint – sottolinea Fabio Franchi, segretario generale della Cisl Firenze-Prato- è un campanello di allarme preoccupante, perché, al di là della ricostruzione delle dinamiche e delle responsabilità su cui forze dell’ordine e magistratura dovranno fare i necessari approfondimenti, evidenzia un clima di tensione crescente, di disagio e di malessere che nel mondo del lavoro risulta farsi avanti in modo sempre più forte. I fatti tragici degli scorsi mesi, con le morti di Luana e Sabri, le denunce anonime che arrivano anche alle nostre sedi, pongono in risalto un tema complesso e delicato che tutta la comunità ha il dovere di prendere in carico: sicurezza e rispetto delle regole e dei diritti del lavoro sono valori irrinunciabili, su cui Prato e la sua comunità devono potenziare percorsi ed azioni di tutela.”

“Per questo – aggiunge Mirko Zacchei, segretario Femca-Cisl Firenze-Prato – occorre da un lato rafforzare azioni di controllo mirate, in grado di stanare i casi di violazione e sfruttamento in tempi e con strumenti certi, dall’altro promuovere percorsi di una cultura della sicurezza e del rispetto delle regole che si possono realizzare solo insieme, sindacati e associazioni datoriali di categoria, amministrazioni locali e forze dell’ordine. Prato, lo abbiamo visto nelle settimane scorse, rischia di dare una immagine fuorviante della sua storia e delle sue potenzialità e che vengano evidenziati solo i casi negativi, che ci sono e vanno denunciati e combattuti, ma che non rappresentano la nostra città.”

E’ per questo che la Cisl e la Femca-Csil chiedono al Prefetto e alle istituzioni di proseguire nel lavoro di un tavolo appena avviato sul tema della sicurezza e della tutela delle regole dei rapporti di lavoro, vera strada per invertire la rotta rispetto ai brutti segnali che negli ultimi mesi stanno aumentando nel tessuto produttivo e lavorativo pratese.

Condividi