1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Dai Territori
  6. »
  7. Dai Territori > Veneto
  8. »
  9. Veneto. Disparità di genere nel mondo...

Veneto. Disparità di genere nel mondo del lavoro e commissioni Pari Opportunità: la Cisl incontra online i Sindaci della Marca e del Bellunese

Pubblicato il 16 Mar, 2021

16 marzo 2021 – Proseguono le iniziative della Cisl Belluno Treviso nel mese della donna. L’organizzazione sindacale guidata da Massimiliano Paglini incontrerà online sindaci e assessori alle Pari Opportunità delle province di Treviso e di Belluno per una riflessione comune sulla disparità di genere nel mondo del lavoro. I webinar si svolgeranno mercoledì 17 marzo alle 15.30 per il Bellunese e venerdì 19 marzo per la Marca, sempre alle 15.30. Oltre al segretario generale Paglini e alla responsabile del Coordinamento Donne Alessia Salvador, interverranno ai due incontri i ricercatori della Fondazione Corazzin Stefano Dal Pra Caputo e Francesco Peron che hanno curato per conto della Cisl e del Coordinamento la ricerca “Il lavoro femminile e il gap salariale a Belluno e Treviso”, presentata lo scorso 25 novembre in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne. Lo studio approfondisce la situazione del lavoro, dell’occupazione e del reddito dei lavoratori e delle lavoratrici delle due province, partendo dall’analisi della situazione demografica e dei tassi di scolarizzazione delle donne e degli uomini, analizzando il mondo del lavoro e alcuni indicatori: creazione e cessazione di rapporti di lavoro, distretti produttivi e infine la disparità salariale, elementi che aiutano a individuare le differenze tra il mondo del lavoro femminile e quello maschile negli ultimi 15 anni e da cui emerge chiaramente che le donne sono più istruite ma meno occupate, spesso precarie e part-time e guadagnano in media 1 euro e mezzo di meno rispetto agli uomini. Infine lo studio approfondisce la situazione delle Commissioni Pari Opportunità dei Comuni bellunesi e trevigiani, “strumenti – spiega Alessia Salvador – troppo spesso considerati desueti e comunque poco utilizzati per affrontare il problema delle discriminazioni e delle disparità di genere”. Proprio da qui prenderanno le mosse gli incontri con i sindaci e gli assessori dei due territori, finalizzati non solo a condividere la riflessione con gli amministratori, ma anche ad avviare l’iter per l’istituzione della Commissione Pari Opportunità, organismo permanente di consultazione che ha l’obiettivo di realizzare iniziative per eliminare le disparità che le donne incontrano nel mondo del lavoro. In provincia di Belluno, su 61 Comuni, solo due hanno affrontato il tema della Commissione: Belluno l’ha prevista nello statuto, ma non l’ha istituita, mentre Feltre l’ha costituita il 29 settembre 2020, ma senza parte sindacale. Nella Marca le Commissioni sono attive in 19 Comuni ed esistono progettualità dedicate alle pari opportunità in altri 5 Municipi. “Troppo poche – commenta il segretario generale Paglini -, è necessario riaffermare il ruolo delle Commissioni e affrontare assieme le ancora troppe disparità di trattamento, prospettive e opportunità che separano le donne dagli uomini nel mondo del lavoro. La componente femminile della nostra società è stata ulteriormente penalizzata dalla crisi innescata dal Covid-19 e oggi tutti i soggetti pubblici e le istituzioni anche locali sono chiamati a fare la loro parte”.

Condividi