1. CISL
  2. /
  3. Notizie
  4. /
  5. In Evidenza
  6. /
  7. Lavoro. Fumarola al Consiglio...

Lavoro. Fumarola al Consiglio generale Cisl Asse del Po: “Su sicurezza utilizzare i fondi dell’Inail per 4 ore di formazione obbligatoria al mese in tutti i luoghi di lavoro”

“L’emergenza della salute e sicurezza nei posti di lavoro va combattuta con azioni concrete e strutturali. Anche ieri ci sono state altre vittime nei luoghi di lavoro. Dobbiamo procedere di pari passo con maggiori sanzioni, piu’ ispezioni, controlli e con un grande investimento in formazione ed informazione sul tema della sicurezza del lavoro, fin dai banchi di scuola, agli studenti che saranno i lavoratori del futuro. La nostra proposta è di utilizzare una parte dei fondi Inail per finanziare almeno quattro ore retribuite di formazione sulla sicurezza al mese per ciascun lavoratore. Risorse ingenti e subito disponibili dato che l’avanzo di bilancio Inail è un tesoretto che vale ben tre miliardi di euro”. E’ quanto ha sottolineato oggi la segretaria generale aggiunta della Cisl, Daniela Fumarola, a Cremona in chiusura dei lavori del Consiglio Generale della Cisl Asse del Po che ha rinnovato il gruppo dirigente.

“Bisogna accelerare l’attuazione delle misure che abbiamo concordato con il governo. È fondamentale rafforzare i controlli nei luoghi di lavoro, velocizzare il reclutamento dei 766 ispettori e tecnici per la prevenzione, ma anche dare seguito alla misura relativa alla patente a crediti che noi pensiamo vada estesa a tutti i settori, incrociando tutte le informazioni utili nelle banche dati. Bisogna trasferire le regole del Codice degli appalti pubblici anche ai grandi cantieri privati e accelerare in agricoltura l’attuazione della legge 199, da estendere agli altri settori, per prevenire e contrastare il fenomeno del caporalato. I lavoratori immigrati che giungono in Italia devono essere messi nella condizione di poter entrare nel mercato del lavoro in modo regolare. Non possiamo più tollerare questo fenomeno incivile di sfruttamento ed illegalità che troppo spesso si trasforma in tragedie e morti sul lavoro come raccontano le cronache ogni giorno nel nostro Paese”, ha aggiunto la segretaria generale aggiunta della Cisl.

Condividi