1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. In Evidenza
  6. »
  7. Manovra. Sbarra: “Modificare le tante ombre...

Manovra. Sbarra: “Modificare le tante ombre della legge di bilancio”

Pubblicato il 20 Nov, 2021

“Oggi qui a Mestre una manifestazione regionale importante di grande partecipazione nella prospettiva di mandare un forte messaggio al Governo: bisogna modificare le tante ombre presenti in questa legge di bilancio”.  Lo ha detto il Segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, a margine della giornata di mobilitazione regionale di Cgil Cisl Uil oggi in Veneto.

“Pensiamo che il lavoro debba avere una maggiore centralità, bisogna rafforzare investimenti per scuola, P.A. ridurre il precariato storico. Dobbiamo accompagnare con una governance partecipata il Pnrr, vogliamo più stanziamenti per ammortizzatori sociali, politiche attive, un piano di formazione nazionale per la crescita delle competenze. Chiediamo al governo di riprendere la via del dialogo e del confronto. E’ importante l’istituzione di tavoli sul fisco e per la modifica della legge fornero, ma tutto ciò non basta se non rafforziamo gli stanziamenti,  mettendo in priorità il lavoro la coesione sociale”. Sbarra ha parlato anche del tema vaccini.

“Il vaccino è la nostra salvezza,  è il vaccino che porterà il paese fuori dall’emergenza sanitaria. Ha ragione il Presidente Mattarella: va sconfitta l’antiscienza. Ecco perché stiamo applicando tutte le nostre forze per assicurare la piena applicabilità dei protocolli su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Dobbiamo mandare in profondità la campagna di vaccinazione, far rispettare scrupolosamente i contenuti del decreto sul Green pass e favorire la terza dose a tutti i cittadini.

Continuiamo anche a chiedere a governo e parlamento di valutare la necessità di adottare una norma legislativa che sancisca l’obbligo alla vaccinazione per tutti. Serve una azione di assoluta responsabilità per fermare la ripartenza del contagio ed evitare nuove fasi di lockdown che porteranno inevitabilmente ad un rallentamento dell’economia ed a un sacrificio del popolo del lavoro. Ecco perché dobbiamo valutare questa necessità”.

Condividi