1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Primo Piano
  6. »
  7. Maltempo. Furlan:”Ancora tante vittime innocenti per...

Maltempo. Furlan:”Ancora tante vittime innocenti per incuria delle istituzioni su manutenzione territorio e nuove infrastrutture”

4 novembre 2018 – “Solidarietà e vicinanza della Cisl alle famiglie siciliane che hanno perso i loro cari per il maltempo. È inaccettabile piangere tante vittime innocenti ancora una volta per l’incuria delle istituzioni e di quanti dovrebbero difendere il nostro territorio con la giusta manutenzione e con nuove infrastrutture”. Lo scrive su twitter la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, esprimendo il cordoglio del sindacato alle famiglie che hanno perso i propri cari per l’esondazione di un fiume nel palermitano. 

“Rendere onore alle vittime innocenti di queste ore e di questi giorni vuol dire fare in modo che tali tragedie non si ripetano più: serve un piano nazionale di messa in sicurezza idrogeologica che coinvolga tutto il territorio italiano, da Sud a Nord” ha dichiarato dalla sua Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl, a margine del consiglio generale della Ust di Cosenza, che si è svolto oggi nel capoluogo calabrese.
“Lo stanziamento per la ricostruzione annunciato dal Governo – ha aggiunto Sbarra – è un passo necessario e urgente, ma purtroppo non sufficiente. Ricostruire su fondamenta fragili non mette le comunità al sicuro: bisogna andare oltre la logica dell’emergenza, riattivare fondi e strutture di missione che qualifichino una strategia nazionale per la difesa del suolo e il buon governo dei bacini idrici”.
“Significa riammodernare e ricostruire tante infrastrutture, ma anche puntare su una prevenzione concreta e praticata, attraverso la valorizzazione e la messa a sistema dei comparti forestali e ambientali. Una battaglia su cui la Cisl si impegna da anni. Oggi abbiamo una manovra che latita clamorosamente su questi temi: l’Esecutivo ci ascolti ponga subito rimedio, apportando i necessari emendamenti in Legge di Bilancio”, ha concluso Sbarra.

Condividi