Immigrati: Colpire i trafficanti di morte e non colpevolizzare uomini, donne e bambini che fuggono dalla guerra

Roma, 8 gennaio 2016 - "Non bisogna sollevare polveroni sul tema della depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina. Le norme attuali della Bossi-Fini che puniscono lo status di immigrato erano state più volte bocciate dall'Europa perchè bisogna perseguire i comportamenti contrari all'ordine pubblico ed alla convivenza pacifica, colpendo i trafficanti di morte, senza colpevolizzare chi come tanti uomini, donne e bambini fuggono dalla guerra, dalla miseria e dalle persecuzioni". E' quanto sottolinea Liliana Ocmin, Responsabile del Dipartimento Immigrati Donne e Giovani della Cisl e Coordinatrice Nazionale Donne Cisl.
"Il fenomeno dell'immigrazione va affrontato con serietà e rigore, senza strumentalizzazioni politiche, in un' ottica che veda coinvolta l'intera Europa, non solo nel redistribuire le quote di rifugiati, ma anche nelle politiche di accoglienza e di integrazione sociale e culturale. Così come sono essenziali per la Cisl i processi diplomatici di pacificazione dei conflitti, di promozione della cooperazione internazionale e di aiuto allo sviluppo per tanti paesi dove sono in corso guerre e persecuzioni. La solidarietà e la coesione sociale sono gli strumenti per costruire società pacifiche e sicure, combattendo il terrorismo ed ogni forma di violenza, di abusi ed intimidazioni, come è accaduto purtroppo nei giorni scorsi a Colonia ed in altre città europee, anche con una azione culturale e formativa contro ogni degenerazione violenta e discriminatoria nei confronti di tutti gli esseri umani".

Ufficio Stampa Cisl

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa