Sciopero nazionale dei trasporti. Furlan: “Una protesta legittima. Il Governo è da troppo tempo latitante. Occorre attenzione per tutto il settore, più risorse e rispetto per i lavoratori"

b_180_160_16777215_00_images_primo_piano_2_iPhone_Image_5DF411.jpg

Roma, 24 luglio 2019 - “Lo sciopero dei trasporti di oggi non è stato rimandato perché c'è un’ emergenza in tutti i settori e servono risposte urgenti”. Lo ha detto la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, nel corso del sit in a Roma dei sindacati di categoria per lo sciopero nazionale dei trasporti. “Peraltro questo sciopero è stato preannunciato da tanto tempo all’opinione pubblica e si sono rispettate tutte le leggi e le regole a tutela del servizio pubblico. Il governo avrebbe dovuto svegliarsi prima a partire dal ministro Toninelli che non ha mai avuto un rapporto con il sindacato, non ha mai ascoltato tutti gli allarmi che le nostre categorie ed anche le confederazioni in più occasioni hanno lanciato in questi mesi. Non ci sono più investimenti sui trasporti, c'è il blocco delle infrastrutture e la sicurezza nei trasporti rimane un tema molto serio e spinoso sia per i cittadini ma anche per chi lavora in un settore così importante. Non ci sono stati gli investimenti che erano invece programmati anche sulla portualità ed il settore della logistica spesso è caratterizzato da tanti sindacatini che alla mattina hanno la giacchetta del sindacato ed il pomeriggio quello del datore del lavoro e fanno dei contratti al ribasso con meno tutele per i lavoratori e le lavoratrici. Questo fatto è stato denunciato tante volte al governo, in modo particolare al ministro Toninelli che ha sempre fatto finta di non sentire. Noi ovviamente se non arrivano risposte continueremo nella nostra mobilitazione. Speriamo di avere la comprensione e l'alleanza con i cittadini”.

Stampa