Ex Ilva. Furlan: "Lo sciopero un segnale forte ed unitario. L'azienda non può fare orecchie da mercante"

Ilva sciopero8 novembre 2019 - “Bisogna avere rispetto per i lavoratori e per quelle comunità dove ci sono gli stabilimenti della ex Ilva. In questa vicenda sono in gioco non solo il futuro della produzione di acciaio nel nostro paese, ma anche investimenti importanti per la tutela dell'ambiente, della sicurezza e della salute dei cittadini". Lo sottolinea la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. "Lo sciopero dei lavoratori della ex Ilva è stato oggi un segnale forte, chiaro, unitario che non può essere ignorato da Arcelor Mittal ed anche dal Governo: non si può abbandonare il sito industriale a meno di un anno dalla firma dell’accordo che rilanciava la capacità produttiva, la difesa dell’occupazione e soprattutto gli investimenti per l’ambientalizzazione e la messa in sicurezza degli impianti. Sarebbe una vera catastrafofe nazionale. Un sconfitta grave per tutti. È evidente che l'atteggiamento di Arcelor Mittal è del tutto inaccettabile, irresponsabile, quasi un ricatto. Ma l'unica strada è quella di ritornare al tavolo di confronto, far prevalere la responsabilità nella ricerca di una soluzione finalizzata a scongiurare i cinquemila esuberi e la chiusura degli impianti. La via legale sarebbe troppo lunga, farraginosa ed alla fine ci ritroveremmo solo la fabbrica chiusa. Dobbiamo invece privilegiare un percorso che mantenga in vita il sito e la produzione di acciaio così fondamentale per tutto il sistema produttivo nazionale. Proprio per questo il Governo deve sgombrare subito il campo dalla questione dello scudo penale. Il decreto legge è la strada più breve per togliere definitivamente dal tavolo quella questione che ha animato per tanto tempo il dibattito politico. Questo anche per impedire speculazioni da parte di Arcelor ed anche nella eventualità che altri soggetti si ritrovino nelle stesse condizioni. La certezza delle regole è una condizione imprescindibile per l’attuazione degli investimenti, soprattutto da soggetti internazionali. Non esiste oggi un piano B. Chi parla di altre soluzioni fa solo propaganda. La scelta, adesso, è tra salvare lo stabilimento ed il baratro. Speriamo che la dirigenza di Arcelor Mittal abbia un sussulto di responsabilità di fronte all'appello di migliaia di lavoratori e cittadini di Taranto e degli altri siti industriali".

Leggi anche:

Ex Ilva. Furlan: “Siamo davanti ad un vero disastro industriale, sociale ed ambientale. Chiediamo al Governo di intervenire e all'azienda di recedere da questa decisione”  Ex Ilva. Furlan: “Siamo davanti ad un vero disastro industriale, sociale ed ambientale. Chiediamo al Governo di intervenire e all'azienda di recedere da questa decisione” 
5 novembre 2019 - "Non possiamo perdere un settore strategico come l'acciaio sarebbe un disastro in termini occupazionali, industriali e...
Ex Ilva. Furlan: Ex Ilva. Furlan: "Bisogna obbligare l'azienda a riaprire la trattativa per rispettare l'accordo, la via legale è troppo lunga"
Roma, 7 Novembre 2019. "E' condivisibile l'appello del governo a rimanere uniti. Ma e' importante che tutti remiamo nella stessa direzione. Il...
Ex Ilva: Furlan: Ex Ilva: Furlan: "Non esiste un piano B. Serve decreto legge su scudo penale per evitare casi analoghi"
9 novembre 2019 - “Non si può abbandonare il sito industriale a meno di un anno dalla firma dell’accordo che rilanciava la capacità produttiva, la...
Ex Ilva. Furlan a Boccia: Ex Ilva. Furlan a Boccia: "La crisi dell’acciaio si affronta con il confronto non chiudendo le fabbriche e mandando via 5 mila persone"
9 novembre 2019 - “Se c'è una crisi congiunturale legata all'acciaio, questa si affronta con il confronto con il sindacato non chiudendo le fabbriche...
Ex Ilva. Furlan: Ex Ilva. Furlan: "Sicurezza ed ambiente vengono prima delle diatribe giudiziarie"
12 novembre 2019 - “Vanno chiarite le cause del grave incendio alla ex Ilva per fortuna senza conseguenze per i lavoratori. La sicurezza delle persone...
Ex Ilva. Furlan: Ex Ilva. Furlan: "Spegnimento impianti sarebbe una sciagura per il paese. Non ci rassegniamo"
14 novembre 2019 - “Se Arcelor Mittal spegnerà davvero gli impianti nelle prossime settimane sarà una sciagura per Taranto, per gli altri stabilimenti...
Ex Ilva. Incontro al Mise. Furlan: “Non accetteremo mai di chiudere una delle più grandi fabbriche del Paese” Ex Ilva. Incontro al Mise. Furlan: “Non accetteremo mai di chiudere una delle più grandi fabbriche del Paese”
Roma, 15 novembre. 2019 - "L'incontro non e' andato bene, non siamo per nulla soddisfatti". Ha dichiarato la segretaria generale della Cisl, Annamaria...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa