Morti sul lavoro. Furlan: “Una tragedia quotidiana, senza soluzione di continuità. La Cisl farà sentire la sua voce insieme agli altri sindacati per fermare questa strage”

20 luglio 2020 - “Agghiacciante la morte di due operai oggi in un cantiere a Roma. È una interminabile scia di sangue e di vite stroncate nei luoghi di lavoro. Dove sono i controlli sulla sicurezza? La Cisl farà sentire la sua voce insieme agli altri sindacati: dobbiamo fermare questa strage quotidiana”. Lo ha scritto su twitter la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, esprimendo il cordoglio della Cisl alle famiglie dei due lavoratori morti oggi a Roma in un cantiere. L'incidente è avvenuto a due giorni dalla morte dei lavoratori nei cantieri a Scicli, Ascoli, Brescia. “Una tragedia continua, quotidiana, senza soluzione di continuità. Ogni persona che muore sul lavoro chiama in causa la carenza di controlli, di prevenzione, di ispezioni. Un fatto di una gravità inaudita”.

Leggi anche:

 Incidenti mortali sul lavoro. Furlan: Incidenti mortali sul lavoro. Furlan: "E’ una strage quotidiana. Bisogna mobilitarsi. La sicurezza rimane per il sindacato una priorità. Una questione nazionale"
Roma, 4 giugno 2020 - “Ancora un operaio morto sul lavoro, precipitato da una impalcatura ad Ostia. È una strage quotidiana nei luoghi di lavoro. Non...

Stampa