Pubblico Impiego. Furlan: "Pieno sostegno allo sciopero nazionale. I lavoratori chiedono una vera riforma della P.A., assunzioni, stabilizzazione dei precari, sicurezza, un contratto dignitoso"

sciopero PARoma, 9 dicembre 2020 - "Lo sciopero di oggi del pubblico impiego è per le assunzioni e il contratto della Pa. Le assunzIoni sono determinanti per poterla riformare, così come le risorse per poterla innovare". Lo ha affermato la segreteria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ospite oggi a Radio anch'io,  ricordando che in tutta l'amministrazione pubblica, "compresa la scuola, che oggi non sciopera, ci sono 350 mila precari, solo nella sanita' 60 mila precari. Un giorno li chiamiamo i nostri eroi e il giorno dopo li critichiamo se scioperano per essere assunti e per il loro contratto". 
E alla domanda su quanto detto dalla ministra Fabiana Dadone in merito all'indisponibilita' di nuove risorse oltre a quelle stanziate in legge di Bilancio Furlan ha risposto: "la ministra ha detto tante cose in questo periodo anche, se posso permettermi, con tante contraddizioni" e ha ribadito: "non ci sono assunzioni, non ci sono gli interventi per la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici".
"La ministra - ha proseguito Furlan - dimentica che pubblici dipendenti sono stati 12 anni senza il rinnovo del contratto, l'attuale contratto e' scaduto da oltre 3 anni. Il contratto e' un diritto che va riconosciuto". Infine sulle critiche allo sciopero Furlan ha concluso: "questo modo continuo di voler spaccare il mondo del lavoro fortunatamente non funziona nel nostro Paese: abbiamo avuto la solidarieta' di tutte le categorie"

Roma, 8 dicembre 2020 – “Domani i lavoratori pubblici scioperano non solo per il rinnovo del contratto ma anche per una vera riforma della Pubblica Amministrazione, per la stabilizzazione e l'assunzione dei precari, a partire dalla sanità e per la sicurezza del lavoro”. Così la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ospite stamani di Coffee Break su La7 sullo sciopero dei servizi pubblici indetto dalle federazioni del pubblico impiego di Cgil Cisl Uil per domani 9 dicembre. "La prima questione posta dai sindacati sono le assunzioni “ ha spiegato ricordando che "ci sono 350 mila precari di cui quasi 60 mila solo nella sanità".

Servono inoltre "investimenti nella digitalizzazione” perché “oggi un lavoratore pubblico in smart working si paga il computer, le bollette, l'allacciamento a internet e non ha fatto percorsi formativi. Non è così che riformiamo la Pa”. Ha poi commentato le dichiarazioni di questi giorni sullo sciopero dei dipendenti pubblici, come quelle di Giorgia Meloni che ha definito indecente la conferma della protesta nella Pa. Per Furlan sono dichiarazioni che “hanno dell'incredibile. Siamo difronte a persone che hanno pagato un tributo terribile anche in termini di morti per essere stati a fianco dei cittadini:. Ma come si permettono di dire queste cose?", ha aggiunto facendo riferimento in particolare agli operatori della sanità che un giorno vengono definiti eroi per poi prevedere in legge di Bilancio solo la proroga di un anno per i lavoratori precari.

  E sempre sulla sanità, rispondendo alla domanda sui 9 miliardi di euro del Recovery Plan che dovrebbero essere destinati alla sanita': "Ho letto anche io queste cifre, - ha osservato - mi auguro siano stanziate molte più risorse sulla sanita'".
Quanto infine alla convocazione pervenuta ieri da parte della Ministra Dadone: “Il Governo da tanto tempo sa che lo sciopero era proclamato per il 9 dicembre, e poteva convocare i sindacati, mettere sul tavolo proposte accompagnandole, ovviamente, con risorse" mentre la convocazione "è arrivata solo ieri sera, peraltro dopo lo sciopero, una convocazione molto generica dalla ministra. Noi, comunque, il 10 andremo al confronto e speriamo che diventi un confronto produttivo. Finora non l'hanno voluto fare, anzi, penso ad esempio allo smart working, noi volevamo fare un accordo di gestione di una partita così importante nella P.A. mentre la ministra ha preferito affidare tutto ai dirigenti", ha concluso.

 

Leggi anche:

"Il Governo può evitare lo sciopero. Distanza minima". Intervista ad Annamaria Furlan, "Corriere della Sera" del 19 novembre 2020
"Lo sciopero serve per convincere il datore di lavoro, in questo caso lo Stato, a rinnovare il contratto, esattamente come abbiamo fatto nel privato...
Sciopero PA. La lettera della Segretaria Generale Furlan alle delegate e ai delegati Sciopero PA. La lettera della Segretaria Generale Furlan alle delegate e ai delegati
Roma, 30 novembre 2020.  “Il 9 dicembre i sindacati della Pubblica amministrazione di Cisl, Cgil e Uil hanno dichiarato sciopero della categoria...
P.A. Furlan: “Per evitare lo sciopero il Governo smetta di fare annunci, convochi i sindacati e metta sul tavolo le disponibilità che sono necessarie” P.A. Furlan: “Per evitare lo sciopero il Governo smetta di fare annunci, convochi i sindacati e metta sul tavolo le disponibilità che sono necessarie”
5 dicembre 2020 – “La soluzione per evitare lo sciopero si può assolutamente trovare e sarebbe benvenuta: basta che il governo non faccia più finta di...
P.A. Furlan: P.A. Furlan: "Il contratto è un diritto che va riconosciuto. La ministra Dadone dimentica che i pubblici dipendenti attendono da oltre 3 anni il rinnovo”
9 dicembre 2020 - "La ministra ha detto tante cose in questo periodo anche con tante contraddizioni". Lo ha dichiarato stamani la segretaria generale...
Pubblico Impiego. Cisl e Fp Cisl: Pubblico Impiego. Cisl e Fp Cisl: "Il Governo si è impegnato ad aprire un confronto costruttivo su riforma P.A. , livelli occupazionali, sicurezza, contratto"
10 dicembre 2020 - Dopo la giornata di sciopero dei lavoratori e delle lavoratrici della pubblica amministrazione e dei servizi pubblici, si è svolto...

Stampa