Vertenza Eni/Saipem. Positiva la convocazione ma Governo accolga le ragioni della protesta

Maggio 2016 - "E' positivo che il Governo abbia dato un primo segnale, dopo mesi di silenzio, convocando i sindacati di categoria sulla vertenza Eni-Saipem che vede oggi i lavoratori in sciopero per difendere l'occupazione, l'innovazione e la ricerca nei siti e nei territori in cui esiste una presenza industriale consolidata dell'Eni in Italia". Lo sottolinea il segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, sullo sciopero proclamato nelle aziende del gruppo Eni e Saipem dai sindacati di categoria del settore."Siamo accanto ai lavoratori del gruppo Eni e Saipem - dice - e condividiamo le preoccupazione della categoria sul futuro del settore chimico nel nostro paese. Ecco perchè speriamo che il Governo scenda in campo davvero per difendere la chimica italiana e il futuro industriale del nostro paese, cogliendo le ragioni della protesta ma anche le proposte concrete del sindacato, aprendo un confronto serio sulla delicata fase di transizione verso la chimica verde e sul rispetto degli accordi sottoscritti con l'Eni sugli investimenti".

Per saperne di piu': www.femcacisl.it

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa