Istat. Disoccupazione giovanile al 40%. Furlan: "I dati impongono un'assunzione di responsabilita' da parte di tutti"

Giovani2Roma 31 gennaio 2017- "I dati diffusi oggi dall'Istat sull'aumento della disoccupazione giovanile impongono una assunzione di responsabilita' da parte di tutti. Siamo daccordo con il Presidente di Confindustria, Boccia: il lavoro dei giovani deve diventare la priorita' del Governo, delle forze economiche e sociali e di quanti hanno responsabilita' istituzionali a tutti i livelli". Lo ha sottolineato oggi la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, nel suo intervento al Consiglio Generale della Cisl riunito a Roma, commentando i dati diffusi dall'Istat che registrano un aumento della disoccupazione giovanile a dicembre 2016 superiore al 40%. 
"Non possiamo aspettare le elezioni o le consuete alchimie della politica" sottolinea la leader della Cisl ribadendo come "di fronte alla gravita' della situazione occupazionale del paese, soprattutto nelle aree del Mezzogiorno" sia "indispensabile un Patto sociale per lo sviluppo e la crescita incentrato sulla decontribuzione permanente per le assunzioni stabili, la detassazione degli investimenti in innovazione, ricerca e formazione, far decollare subito le politiche attive del lavoro e l'alternanza scuola-lavoro, attivare il piano di industria 4.0, sbloccando tutto cio' che oggi e' spendibile sul piano della costruzione di infrastrutture, reti digitali ed altre opere pubbliche".
Per Furlan dunque "ha fatto bene ieri il Ministro Poletti ad annunciare una prossima convocazione del sindacato sui temi del lavoro, della modifica dei voucher e delle parti ancora inattuate dell'accordo sulla previdenza. Serve una svolta perche' non possiamo accontentarci di qualche occupato in piu' o di qualche inattivo in meno come certifica oggi l'Istat. Dobbiamo affrontare il tema della disoccupazione e dell'inclusione sociale con una politica nuova di redistribuzione del reddito, facendo una battaglia seria nel prossimo vertice europeo di giugno come sistema paese per un cambiamento radicale dello Statuto economico e dei vincoli troppo rigidi ai bilanci che bloccano oggi gli investimenti pubblici produttivi".

 

 

Leggi anche:

Lavoro.  “La vera emergenza del Paese”. Le dieci proposte della Cisl per far crescere l’occupazione con attenzione particolare ai giovani Lavoro. “La vera emergenza del Paese”. Le dieci proposte della Cisl per far crescere l’occupazione con attenzione particolare ai giovani
Roma, 26 gennaio 2017. “Se perdono valore il lavoro e la persona umana, diventano forti i populismi ed anche i nazionalismi. Anche la democrazia...
Crisi.  Furlan: Crisi. Furlan: "Il Paese ha bisogno di stabilità"
1° Febbraio 2017 - La questione non e' solo il voto subito o tra sei mesi o un anno, e' se con le attuali leggi elettorali disomogenee creiamo le...
Voucher. Furlan: Voucher. Furlan: "Il Referendum si può ancora evitare rivedendo la normativa e riportandoli alla Legge Biagi"
Roma, 14 marzo 2017- “Il referendum sui voucher si può ancora evitare, basta che il Governo ed il Parlamento facciano quello che la Cisl chiede da...
Voucher. Sì del Consiglio dei ministri al decreto per l'abolizione. Duro il giudizio della Cisl Voucher. Sì del Consiglio dei ministri al decreto per l'abolizione. Duro il giudizio della Cisl
Palermo, 23 marzo 2017. "I voucher sono nati diversi anni fa, con la legge Biagi,  per coprire i lavori del tutto discontinui. Negli anni, per...
Lavoro. Furlan: Lavoro. Furlan: "Congresso Cisl dedicato al tema del lavoro dei giovani . Non basta cambiare i voucher, servono politiche attive e investimenti"
4 gennaio 2017. "La disoccupazione giovanile in Italia è a livelli inaccettabili. Proprio a questo tema sarà dedicato il Congresso nazionale della...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa