Europa. "Senza la riscrittura del fiscal compact la crescita del Pil in Italia sarà penalizzata"

bandiere UERoma, 13 febbraio 2017- “Il fatto che la Commissione Europea abbia rivisto oggi lievemente al rialzo la crescita italiana, smentendo anche gli ultimatum che erano circolati nei giorni scorsi nei confronti del nostro paese è certamente un fatto positivo, ma non basta. Senza una riscrittura nei prossimi mesi dello Statuto economico europeo e la messa in soffitta del fiscal compact, saremo destinati ad una crescita molto modesta, inferiore a quella di altri paesi europei con una economia più solida”. Lo sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando le previsioni economiche pubblicate in mattinata dalla Commissione Europea. “Noi ci aspettiamo che il Governo italiano possa portare in primavera una posizione chiara e forte al vertice di Roma per i sessant’anni della nascita della comunità europea. Non è infatti con un decimale in più o in meno di flessibilità, o con una ennesima manovrina di correzione dei conti, che si può affrontare il tema dello sviluppo, di una migliore redistribuzione del reddito, ridurre la disoccupazione, favorire il lavoro stabile per i giovani o intervenire sul livello grave di diseguaglianze sociali cresciute nel nostro paese. Bisogna togliere i paletti rigidi a livello europeo che frenano oggi la crescita e gli investimenti pubblici in infrastrutture materiali ed immateriali, innovazione, ricerca, formazione, insieme alla garanzia degli interventi straordinari per la ricostruzione delle aree terremotate e la messa in sicurezza del patrimonio urbanistico e culturale, come ha giustamente messo in luce oggi anche la Corte dei Conti nella sua relazione di inizio d’anno. Questa è la vera svolta che la Cisl sollecita da tempo insieme al sindacato europeo, rilanciando il progetto di una Europa Politica ed inclusiva che è oggi l’unica strada per arginare anche il populismo ed i nazionalismi striscianti che rischiano di spegnere il sogno europeo dei padri fondatori”.

Leggi anche:

Crisi. Furlan: il Pil cresce solo se cambiamo lo statuto economico europeo, il fiscal compact e sblocchiamo gli investimenti Crisi. Furlan: il Pil cresce solo se cambiamo lo statuto economico europeo, il fiscal compact e sblocchiamo gli investimenti
Roma, 3 maggio 2016. "Siamo di fronte ad un bivio: o cambiamo davvero l'Europa ed anche il nostro paese, mettendo al centro il valore del lavoro o...
Crisi. Furlan: Crisi. Furlan: "Per sostenere il Pil, cambiare l'Europa del fiscal compact e rilanciare gli investimenti"
3 maggio 2016 - "Siamo di fronte ad un bivio: o cambiamo davvero l'Europa ed anche il nostro paese, mettendo al centro il valore del lavoro o...
Lavoro. Furlan: il fiscal compact frena l’economia, serve crescita Lavoro. Furlan: il fiscal compact frena l’economia, serve crescita
Roma 3 novembre 2016. “C'è un bisogno assoluto di crescita e di stanziare risorse per la crescita in infrastrutture, in innovazione e ricerca....
Europa. Furlan incontra Tajani: “Ineludibile cambiare il fiscal compact per rilanciare l'Europa sociale dei cittadini” Europa. Furlan incontra Tajani: “Ineludibile cambiare il fiscal compact per rilanciare l'Europa sociale dei cittadini”
Roma, 21 febbraio 2017. "L'Europa deve cambiare le sue politiche rimettendo al centro lo sviluppo e la centralità del lavoro altrimenti i venti...
Europa. Furlan: Europa. Furlan: "Cambiare il fiscal compact"
5 maggio 2017. "Lo statuto economico europeo e' una palla al piede in tutta l'Europa e in particolare nel nostro Paese per crescita e sviluppo. Creare...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.