Pubblico impiego. Cgil, Cisl, Uil incontrano Madia: "Ancora troppi vincoli sulla contrattazione ma attendiamo il testo definitivo"

StataliRoma, 15 maggio 2017. Si è svolto oggi l'incontro sul  Testo Unico del Pubblico Impiego tra i sindacati  e la Ministra Madia. “Attendiamo il testo definitivo per esprimere un giudizio compiuto, ma nell’incontro di oggi abbiamo ribadito che, al momento, continuano a permanere vincoli eccessivi alla restituzione della piena titolarità della contrattazione su tutti gli aspetti relativi al rapporto di lavoro” commentano Cgil, Cisl e Uil in una nota unitaria. "Dopo la presentazione dei decreti attuativi della Delega Madia - spiegano le Confederazioni - ci siamo confrontati sia con il Ministero che con le Commissioni parlamentari affinché il Testo unico risultasse coerente con i contenuti dell'accordo Governo-sindacati del 30 novembre 2016, permettendo in tal modo la piena ripresa della contrattazione nei settori pubblici e dell'istruzione dopo nove anni di blocco”.

“Durante tale confronto - proseguono - abbiamo ascoltato la volontà del Governo di modificare ulteriormente il testo presente in Parlamento, tenendo anche conto delle nostre proposte, portate avanti con la mobilitazione unitaria delle lavoratrici e dei lavoratori dei settori pubblici e con le relazioni con gli interlocutori istituzionali e le Commissioni parlamentari”.

Cgil, Cisl e Uil sottolineano poi che “da quanto abbiamo potuto apprendere sino ad oggi, alcuni temi alla base dell’accordo del 30 novembre, che costituiscono il cuore della contrattazione, soprattutto per contribuire efficacemente al processo di riorganizzazione e qualificazione della Pubblica Amministrazione, non sono stati recepiti”. “In particolare - spiegano - permangono i vincoli  che riguardano l’organizzazione del lavoro e il pieno utilizzo delle risorse e degli strumenti relativi ai fondi per liberare la contrattazione di secondo livello”.

“Anche per questo - continuano - abbiamo rinnovato la richiesta dell'immediato varo degli atti di indirizzo all'Aran per l'avvio reale della contrattazione, che dovrà muoversi seguendo le linee dell'accordo. In particolare - sottolineano - la contrattazione degli istituti del rapporto di lavoro, il pieno dispiegarsi della contrattazione, nazionale e di secondo livello, il tema delle risorse economiche che dovranno essere stanziate con la prossima legge di stabilità”.

Cgil, Cisl e Uil concludono sostenendo che “il Governo e le altre parti pubbliche dovranno poi assumere tutte le iniziative previste dal Testo Unico per il superamento della precarietà nei settori delle Pubbliche Amministrazioni”.

Leggi anche:

Testo unico Pubblico Impiego. Decreto correttivo 165/2001: le proposte di Cgil, Cisl, Uil e il documento Cisl all'Audizione alla Camera Testo unico Pubblico Impiego. Decreto correttivo 165/2001: le proposte di Cgil, Cisl, Uil e il documento Cisl all'Audizione alla Camera
Apriel 2017 -  Si è svolta il 4 Aprile presso la Commissione lavoro della Camera dei deputati, l'Audizione informale di Cgil, Cisl, Uil prevista...
Pubblico impiego. Pubblico impiego. "La riforma è solo un primo passo, ora occorre far ripartire la contrattazione"
Roma, 19 maggio 2017 - "Attendiamo di vedere il testo definitivo della riforma Madia  dove ci aspettiamo un maggiore equilibrio tra legge e...
Pubblico impiego. Sindacati: Confronto su Testo Unico per iniziare veramente la fase dei rinnovi Pubblico impiego. Sindacati: Confronto su Testo Unico per iniziare veramente la fase dei rinnovi
Roma, 23 febbraio 2017. “Con l’approvazione in Consiglio dei Ministri del Testo Unico del pubblico impiego si è conclusa una prima fase. Ora...
Pubblico impiego: c'è l'accordo Pubblico impiego: c'è l'accordo
Roma, 1° dicembre 2016. E' stata siglata il 30 novembre, dopo 7 anni di blocco della contrattazione nei settori della pubblica amministrazione, un'...
Pubblico Impiego: c'è l'accordo sui comparti. Ora il Governo faccia la sua parte Pubblico Impiego: c'è l'accordo sui comparti. Ora il Governo faccia la sua parte
Roma, 5 aprile 2016. "Quello siglato con l'Aran è un buon accordo, voluto fortemente dai sindacati confederali. Adesso non c'è più alibi per il...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.