Sfollati. Furlan: Giusto utilizzare edifici pubblici per affrontare emergenza casa

"E' un problema di civiltà. Fa bene il Governo Gentiloni a responsabilizzare i prefetti ed i sindaci fino alla possibilità di requisire gli edifici pubblici vuoti o i beni confiscati alla mafia per affrontare il problema degli sfollati e di quanti vivono nelle nostre città in condizioni disumane". E' quanto sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan. " Come ha detto ieri con grande saggezza ed equilibrio il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, esistono tante soluzioni per affrontare questa emergenza, mettendo tutti in pratica le regole di convivenza. Il compito delle istituzioni nazionali e locali è quello di collaborare, per trovare delle abitazioni alternative per le tante famiglie italiane e per i migranti sfollati e senza casa, coinvolgendo il mondo del sociale e dell'associazionismo. Così come è altrettanto fondamentale affrontare il problema strutturale dello sviluppo dei popoli di provenienza dei migranti, con accordi di cooperazione con i paesi africani, coinvolgendo l'Europa e non solo essa in un progetto di integrazione possibile e comune. Questo è il modo per arginare le spinte populistiche, le paure, le chiusure spesso xenofobe che a loro volta provocano sentimenti di odio ed infiltrazioni di violenti".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa