Contratti. Siglato accordo ccnl logistica, trasporto merci, spedizione. Furlan: "Contratto innovativo che tutela i salari ed offre importanti garanzie occupazionali per i lavoratori"

Logistica4 dicembre 2017- "E' un fatto positivo la firma del nuovo contratto dei lavoratori della logistica, trasporto merci e spedizione. Complimenti alla Fit Cisl per un contratto innovativo che tutela i salari ed offre importanti garanzie occupazionali per i lavoratori". Commenta così sul suo account twitter la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, la sigla di ieri dell’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale degli oltre 700mila lavoratori della logistica, trasporto merci e spedizione cui si è giunti - spiegano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti - dopo una trattativa no-stop di cinque giorni e due notti che ha portato alla conseguente revoca dello sciopero del settore che era stato indetto per l'11 ed il 12 dicembre. Il nuovo contratto con scadenza 31 dicembre 2019 e che prevede nella parte economica, un aumento medio di 108 euro da riparametrarsi ed una 'una tantum' di 300 euro, presenta elementi innovativi dal punto di vista di una nuova definizione della mansione del personale viaggiante, valorizzandone la professionalità, con conseguente riconoscimento economico" - proseguono Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti annunciando, tra le novità contenute nel contratto, la creazione di condizioni che favoriscano "l’occupazione giovanile per contrastare il distacco e la somministrazione transnazionale; l’introduzione della nuova figura professionale del 'rider' che verrà definita entro la stesura dei testi e l’introduzione della clausola sociale garantendo le tutele prima del Jobs Act nel caso di cambi di appalto. Inoltre sono presenti una più precisa selezione dei cambi di appalto, vietando i subappalti e prevedendo requisiti trasparenti per la scelta dei fornitori, un moderno orario di lavoro che tiene conto delle nuove esigenze di flessibilità nell’organizzazione". 

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti annunciano inoltre che "è stata affermata la volontà di costituire enti bilaterali regionali, oltre a quello nazionale già esistente, quali strumenti regolatori delle problematiche territoriali del settore ed è stato anche recepito l’accordo confederale del 2016 contro le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro".
"La riserva sull’ipotesi di accordo - spiegano le federazioni di categoria - sarà sciolta entro il 1 febbraio 2018, dopo che saranno effettuate le assemblee certificate dei lavoratori. Nonostante numerosi confronti - sostengono infine Filt, Fit e Uiltrasporti - le centrali cooperative, pur avendo partecipato alle prime tre giornate del tavolo, non hanno firmato l’ipotesi di accordo ed auspichiamo che rivedano la loro posizione, perché questo settore ha particolarmente bisogno di tenere unita tutta la filiera della logistica”.

Leggi anche:

Trasporti. All'indomani dell'intesa sul contratto ripreso al Mise il tavolo della logistica Trasporti. All'indomani dell'intesa sul contratto ripreso al Mise il tavolo della logistica
Roma, 5 dicembre - All'indomani della sigla dell’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale degli oltre 700mila lavoratori...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.