Primo Maggio. A Prato quest'anno la festa del lavoro. Al centro il tema della salute e della sicurezza. Furlan: "Non si può continuare a morire di lavoro"

PrimoMaggio2018

30 Aprile 2018 - "Non si può continuare a morire di lavoro. Lo diremo domani a Prato ed in tutte le piazze italiane". E' quanto torna a ribadire la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan alla vigilia della tradizionale Festa dei Lavoratori e della manifestazione di Cgil, Cisl, Uil che si svolgerà quest’anno nella cittadina toscana, scelta quale città simbolo di un’importante realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito. "Il lavoro è il principio fondamentale su cui si fonda la nostra Repubblica" prosegue Furlan. Ma, soprattutto, la sicurezza e la tutela della salute nei luoghi di lavoro sono la condizione essenziale in una società civile e sviluppata.  Di fronte all'aumento degli incidenti mortali sul lavoro che quotidianamente portano tragedie e lutti nelle famiglie italiane non si può parlare di fatalità" , aggiunge la Furlan. "Nel nostro Paese ogni giorno in media tre persone muoiono sul lavoro. E' una lenta morte collettiva, silenziosa, incrementata dalla precarietà, dai mancati investimenti in sicurezza, dall’omissione di controlli. In nome spesso del profitto ottenuto sulla pelle dei lavoratori. Come avviene a quei giovani fattorini di Foodora e di altre aziende della gig economy che, sottopagati e senza alcuna tutela, sfrecciano in bici per le strade delle città europee, ai ritmi serrati imposti dai computer che somministrano loro mansioni e ne monitorano le prestazioni. Domani saremo in piazza anche per loro e per tutti i lavoratori che combattono per difendere il proprio posto di lavoro", sottolinea la Segretaria della Cisl. 

"È evidente che le imprese grandi e piccole sono chiamate oggi ad un ruolo di grande responsabilità", aggiunge ancora la Furlan. "Devono investire in nuovi macchinari più sicuri, rendere i luoghi di lavoro sempre meno vulnerabili agli incidenti. Ed anche il sindacato deve fare di più: denunciare gli appalti al ribasso, l’eccesso di esternalizzazioni, pretendere il rispetto integrale di tutte le norme sulla sicurezza. C’è bisogno di vincoli seri, garanzie salde, di discutere sui carichi eccessivi di lavoro e di straordinari. Bisogna contrattare il lavoro festivo e domenicale in tutti i settori, eliminare o ridurre al minimo i rischi per la salute. È anche un problema culturale, di rispetto per la dignità del lavoro che va difeso in questa società sempre più globalizzata ed individualista, come spesso ci ricorda papa Francesco".

'Sicurezza: il cuore del lavoro' lo slogan scelto da Cgil, Cisl, Uil  per la Festa dei Lavoratori per dare  "un segnale forte e inequivocabile alla politica, al mondo delle imprese e delle istituzioni nazionali e locali, alla scuola e al sistema pubblico, nel cambiare rotta e passo, e per contribuire a porre, quale nostro principio intangibile, la centralità della persona nel lavoro.

La rilevanza del tema, la rinnovata drammaticità dei dati sugli infortuni e le malattie professionali, le mancanze e i ritardi, a partire dall’assenza di una Strategia nazionale di prevenzione e dalle migliaia di aziende non in regola, sono fattori evidenti di quanto ci sia necessità di porre il tema della tutela della salute e sicurezza al centro dell’attenzione del mondo del lavoro. A dieci anni, poi, dall’emanazione del Dlgs n.81 del 2008, testo che ha posto le basi di un cambiamento profondo, ancora in evoluzione, nel modo di concepire e rendere fattiva la prevenzione e protezione nei diversi ambiti lavorativi, la scelta fatta acquisisce un valore ancora più significativo.

L’appuntamento è alle ore 10.00, in Piazza Mercatale, dove partirà il corteo che percorrerà Via San Silvestro, Piazza San Marco, Via Piave, Piazza delle Carceri, Piazza San Francesco, Via Ricasoli, Via Cesare Guasti e Via L. Muzzi. L’arrivo è in Piazza del Duomo dove, a partire dalle ore 12.00, si terrà il comizio conclusivo dei tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. (Percorso corteo)

Prima della manifestazione nazionale a Prato, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil si recheranno al cimitero monumentale di Marcognano situato a Torano, frazione del comune di Carrara, lungo il passo delle Alpi Apuane, dove alle ore 8.00 è prevista la deposizione di una corona al monumento ai caduti sul lavoro per ricordare la tragedia avvenuta alla cava marmifera dei “Bettogli” il 19 luglio del 1911, in cui persero la vita dieci lavoratori.
Nel pomeriggio, invece, si terrà come ogni anno il Concertone in piazza San Giovanni a Roma, promosso dalle tre confederazioni e organizzato da iCompany. Una lunga maratona musicale trasmessa come sempre in diretta Tv da Rai 3 e in diretta radio da Rai Radio 2.

 E a tale proposito proposito un "grazie per la sensibilità che continua a manifestare nei confronti dei problemi del mondo del lavoro che saranno al centro del Primo Maggio" è stato rivolto alla Rai nei giorni scorsi dalla Segretaria Confederale della Cisl, Giovanna Ventura nel corso della Conferenza stampa di presentazione del Concerto del Primo Maggio. "Il tema della sicurezza merita l'attenzione del servizio pubblico, dei giornali e degli altri mass media".  "Con il messaggio lanciato attraverso il manifesto del Primo Maggio- ha precisato Ventura- abbiamo voluto sottolineare che la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro sono il cuore stesso del lavoro: il lavoro senza sicurezza, infatti, è privo di vera dignità. Il tema della sicurezza sarà centrale anche nel Concerto di piazza San Giovanni. Dal palco del concertone a Roma saranno lanciati quest'anno messaggi importanti e testimonianze, così come al mattino a Prato, i Segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, parleranno in maniera approfondita di questi temi. 


Bisogna creare nuove campagne di attenzione e di sensibilizzazione" - ha aggiunto Ventura. "Occorre una forte sensibilizzazione e responsabilità per costruire una cultura nazionale della sicurezza in ogni luogo di lavoro, da promuovere attraverso controlli ed appalti verificati da parte delle istituzioni, la responsabilità delle imprese, i sindacati con i delegati nei luoghi di lavoro. Sarà importante la manifestazione che faremo la mattina a Prato unitariamente, ma sarà altrettanto importante il Concerto di San Giovanni, perchè sono i giovani che devono per primi responsabilizarsi ed acquisire la cultura della propria sicurezza nel lavoro. Il veicolo della musica è importante perchè i giovani oltre al divertimento avranno l'occasione di riflettere su se stessi e sul l’importanza della sicurezza nel loro futuro". "Troppo spesso quando accadono incidenti mortali sul lavoro- ha concluso Ventura- si parla di fatalità. Ma spesso la causa è il disinteresse e la disattenzione verso le attività delle lavoratrci e dei lavoratori".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Testo-Unico-81-08-Edizione-Giugno 2016.pdf)T.U. 81/200815310 kB
Scarica questo file (01 Locandina generica A4 2.pdf)Manifesto Primo Maggio 2108696 kB
Scarica questo file (Percorso-Corteo)Percorso corteo3507 kB

Leggi anche:

Salute e sicurezza. Incidente Livorno: Salute e sicurezza. Incidente Livorno: "Non si può continuare a morire di lavoro!" Sciopero di 8 ore e fiaccolata cittadina
Roma, 29 marzo 2018. "Ancora una tragedia sul lavoro. La morte dei due operai al porto di Livorno è un fatto grave che addolora tutti. Ora basta. Non...
Salute e sicurezza.  Furlan: Salute e sicurezza. Furlan: "Pasqua funestata da un'altra inaccettabile tragedia sul lavoro"
1° aprile 2018. "Esprimiamo il nostro più profondo cordoglio per gli operai deceduti oggi a Treviglio. Il giorno di Pasqua e' stato funestato da un...
Sicurezza sul lavoro. Furlan: “Condizione essenziale in una società civile” Sicurezza sul lavoro. Furlan: “Condizione essenziale in una società civile”
Roma, 28 Aprile 2018 - "La sicurezza sul lavoro e la tutela della salute sono diritti essenziali in tutti i paesi del mondo”. Lo scrive sul suo...
Abruzzo. Incidente mortale alla Cartiera Burgo di Avezzano Abruzzo. Incidente mortale alla Cartiera Burgo di Avezzano
16 marzo 2018. Incidente mortale sul lavoro che ha coinvolto un giovane operaio nella Cartiera Burgo di Avezzano, che dopo anni di cassa integrazione...
Infortuni sul lavoro. Incidente a Como. Furlan: Infortuni sul lavoro. Incidente a Como. Furlan: "Fatto molto grave. Vicinanza a feriti e famiglie. Sicurezza lavoro e' questione nazionale"
7 febbraio 2018-- "L'esplosione alla Ecosfera di Como e' un fatto molto grave. La Cisl e' vicina ai lavoratori feriti ed alle loro famiglie. La...
Lombardia. Un altro grave incidente sul lavoro: da gennaio a novembre 2017, sono stati 127 i morti sul lavoro nella regione Lombardia. Un altro grave incidente sul lavoro: da gennaio a novembre 2017, sono stati 127 i morti sul lavoro nella regione
Milano, 17 gennaio 2018. CGIL CISL UIL lombarde esprimono la loro forte preoccupazione per quanto accaduto ieri in Lombardia. Un altro grave incidente...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa