Salute e sicurezza. Furlan: "Pasqua funestata da un'altra inaccettabile tragedia sul lavoro"

1° aprile 2018. "Esprimiamo il nostro più profondo cordoglio per gli operai deceduti oggi a Treviglio. Il giorno di Pasqua e' stato funestato da un' altra inaccettabile tragedia sul lavoro. In questo momento doloroso la Cisl è vicina alle famiglie che hanno perduto i loro cari e ai loro colleghi. In quello che dovrebbe essere un giorno di festa ci ritroviamo a fare i conti, ancora una volta, con tragici incidenti nei luoghi di lavoro: un grido d'allarme verso istituzioni e imprese chiamate a costruire una nuova cultura della sicurezza e della prevenzione”. Così Annamaria Furlan, Segretaria Generale della Cisl, a proposito dell’esplosione presso l’azienda di mangimi ECB di Treviglio, avvenuta a pochi giorni dal tragico incidente di Livorno dove hanno perso la vita 2 operai. "Chiediamo che venga al più presto fatta chiarezza sui motivi dell’incidente e su eventuali responsabilità e negligenze. Ma una cosa è certa: un lutto sul posto di lavoro è comunque un fatto  inaccettabile. Il bilancio di decessi, infortuni e malattie professionali rimane nel nostro paese drammatico. Per questo, il Primo Maggio, in occasione della Festa dei Lavoratori invocheremo una volta di più una strategia nazionale incentrata su controlli più stringenti, formazione, partecipazione, verso una necessaria svolta in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”.
 
"Occorre che ci si interroghi sul perché non si riesce a spezzare definitivamente la catena di sangue che colpisce i posti di lavoro" dichiara dalla sua il Segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini. "

Le istituzioni di governo non possono più sottrarsi dal ruolo di raccordo, di stimolo e coordinamento di tutti gli attori della prevenzione al fine di collaborare in modo assiduo ed ordinato nel programmare piani di azione a supporto delle realtà lavorative, specie per le piccole e micro imprese e per le aziende che operano con contratto di appalto. Celebrare quest’anno il 1 maggio, la festa del lavoro, parlando di salute e sicurezza, questo vuole dire - ha affermato con forza il Segretario Cisl - che non solo il sindacato confederale da sempre c’è e continua a credere nel cambiamento ed ad impegnarsi, ma che vuole procedere in raccordo e sinergia con le altre forze in campo, datoriali ed istituzioni (nazionali e locali) dentro una precisa strategia nazionale che da troppo tempo manca”. 


Anche la Federazione nazionale agroalimentare della Cisl, Fai, esprime vicinanza e cordoglio alle famiglie degli operai che hanno perso la vita nell'esplosione del mangimificio Ecb di Treviglio. "Chiediamo una svolta, un rinnovato e rigoroso impegno sui temi della prevenzione, della formazione e delle attività di contrasto a un fenomeno che continua ogni anno a mietere decine di vittime. Qualcosa di inaccettabile: nel 2018 non si può continuare a morire di lavoro”.
“L'impegno a fermare questa scia di sangue - continua il comunicato - deve essere comune e coinvolgere istituzioni, imprese e mondo del lavoro. La Fai continuerà ad esercitare la massima pressione in tutte le sedi per garantire una svolta attraverso le leve della rappresentanza, della contrattazione nazionale e decentrata, della bilateralità. Servono relazioni sindacali più partecipate, che mettano al centro questi temi rendendoli elementi qualificanti per dare dignità e sicurezza alle persone e al lavoro”.

 

Leggi anche:

Salute e sicurezza.  Furlan: Salute e sicurezza. Furlan: "Una tragedia continua che colpisce centinaia di famiglie. La sicurezza sul lavoro sia la priorità del paese"
5 Aprile 2018 - Dopo la settimana pasquale funestata dagli incidenti sul lavoro e ad appena due giorni dall'incidente avvenuto a Marghera dove un...
Infortuni. Colombini: Infortuni. Colombini: "Ancora poche le aziende che accedono ai piani sulla sicurezza"
Roma, 3 aprile 2018 - “Anche oggi un morto sul lavoro! E’ salito così a 152 morti dall’inizio dell’anno il tragico bilancio degli...
Salute e sicurezza. Incidente Livorno: Salute e sicurezza. Incidente Livorno: "Non si può continuare a morire di lavoro!" Sciopero di 8 ore e fiaccolata cittadina
Roma, 29 marzo 2018. "Ancora una tragedia sul lavoro. La morte dei due operai al porto di Livorno è un fatto grave che addolora tutti. Ora basta. Non...
Primo Maggio. A Prato quest'anno la festa del lavoro. Al centro il tema della salute e della sicurezza. Furlan:  Primo Maggio. A Prato quest'anno la festa del lavoro. Al centro il tema della salute e della sicurezza. Furlan: "Non si può continuare a morire di lavoro"
30 Aprile 2018 - "Non si può continuare a morire di lavoro. Lo diremo domani a Prato ed in tutte le piazze italiane". E' quanto torna a ribadire la...
Lombardia. Un altro grave incidente sul lavoro: da gennaio a novembre 2017, sono stati 127 i morti sul lavoro nella regione Lombardia. Un altro grave incidente sul lavoro: da gennaio a novembre 2017, sono stati 127 i morti sul lavoro nella regione
Milano, 17 gennaio 2018. CGIL CISL UIL lombarde esprimono la loro forte preoccupazione per quanto accaduto ieri in Lombardia. Un altro grave incidente...
Infortuni sul lavoro. Incidente a Como. Furlan: Infortuni sul lavoro. Incidente a Como. Furlan: "Fatto molto grave. Vicinanza a feriti e famiglie. Sicurezza lavoro e' questione nazionale"
7 febbraio 2018-- "L'esplosione alla Ecosfera di Como e' un fatto molto grave. La Cisl e' vicina ai lavoratori feriti ed alle loro famiglie. La...
Abruzzo. Incidente mortale alla Cartiera Burgo di Avezzano Abruzzo. Incidente mortale alla Cartiera Burgo di Avezzano
16 marzo 2018. Incidente mortale sul lavoro che ha coinvolto un giovane operaio nella Cartiera Burgo di Avezzano, che dopo anni di cassa integrazione...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa