Emilia Romagna. Ferrari, Vittoria delle sigle firmatarie del contratto alle votazioni per le elezioni Rls

11 Giugno 2015 - Vittoria delle sigle firmatarie del contratto alle votazioni che si sono svolte in Ferrari per eleggere i rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza. Fim, Uilm e Fismic hanno eletto cinque delegati su otto, mentre la Fiom ne ha ottenuti tre. «Ancora una volta il voto delle lavoratrici e dei lavoratori della Ferrari legittima il nostro operato - commenta, anche a nome di Uilm e Fismic, il segretario generale della Fim-Cisl Emilia Centrale Claudio Mattiello - Le maestranze Ferrari vedono in noi interlocutori responsabili che affrontano i problemi, anche della sicurezza, per risolverli in modo concreto senza demagogia. Il nostro impegno sulla sicurezza nei luoghi di lavoro si misura nei fatti e non nelle parole. Nasce da lontano, come dimostra il fatto che abbiamo chiesto e ottenuto una maggiore rappresentanza dei lavoratori sul tema della sicurezza. Infatti nel ccsl (il contratto collettivo specifico di lavoro applicato nel gruppo Fca) il numero dei delegati alla sicurezza in realtà come la Ferrari è stato elevato fino a otto, mentre la legge ne prevede solo sei». Mattiello ricorda che negli anni scorsi i Rls (rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza) di Fim, Uilm e Fismic hanno ottenuto concreti miglioramenti delle condizioni di lavoro alla Ferrari, come l'aria condizionata in fonderia, il rinnovamento delle aree di lavoro in nuova meccanica, la tettoia al montaggio motori, il continuo miglioramento delle aree relax, l'attenzione nella scelta dei dispositivi di protezione individuale e il costante monitoraggio nelle aree di lavoro. «Continuiamo a pensare che sia più facile criticare, come fa la Fiom, piuttosto che avanzare proposte. Eppure in questi anni abbiamo cercato di costruire condizioni di lavoro più sicure e il voto per i nuovi Rls in Ferrari ci dice che la maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori è con noi. Questo risultato - conclude il segretario della Fim Emilia Centrale, anche a nome di Uilm e Fismic - ci rafforza e ci sprona a fare ancora meglio già da oggi».

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.