Previdenza. Confronto Governo-sindacati, Furlan: "Incontro positivo. Piu' risorse per dare risposte a giovani, lavoratori, pensionati"

29 Luglio 2016 - Si è svolto oggi al Ministero del lavoro un nuovo incontro tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo per fare il punto sui tavoli tecnici che si sono susseguiti durante tutto il mese di luglio sui temi della previdenza e del lavoro. Tavoli tecnici che saranno riconvocati il 6 settembre per quanto riguarda i temi del lavoro e il 7 settembre quello sulla previdenza.
"Un incontro positivo e importante - ha dichiarato la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan al termine dell'incontro - perché il Governo si è impegnato a trovare risorse ingenti per la previdenza e il lavoro e abbiamo concordato insieme soggetti e priorita' per dare risposte ai giovani, ai lavoratori, ai pensionati e ai pensionandi".

Anche sulle problematiche del lavoro il Ministro Poletti - ha riferito la leader della Cisl - ci ha detto che molte risorse si possono trovare tra quelle gia' a disposizione del suo ministero e potranno essere utilizzate gia' con il prossimo decreto sul Jobs act".

Nuovo round 'politico' il 12 settembre prossimo per fare il punto sulle pensioni e il mercato del lavoro. In conclusione il sindacato - ha spiegato Furlan - è "in attesa" di conoscere a settembre l'entità delle risorse per gli interventi in cantiere e "definire così le misure da inserire nella legge di Stabilità".

Nel Cdm del prossimo mese che esaminerà il dl correttivo del Jobs act, il governo vorrebbe inserire risorse e temi discussi nei tavoli tecnici per quello che riguarda il mercato del lavoro.

Leggi anche: 

Argomenti collegati:

Lavoro. Incontro Governo - sindacati. Cisl: "Tavolo complesso ma servono risposte concrete"

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.