Superbonus 110%: impatto positivo su occupazione e crescita

Incremento occupazionale di 100mila addetti, impatto sul Pil di 3 punti percentuali e una crescita stimata di 63miliardi di euro. Sono questi i numeri pubblicati dall’agenzia per il lavoro Orienta sui benefici che produrrà il Superbonus del 110%.

Inoltre, sempre secondo la nota pubblicata dall’agenzia, i settori maggiormente coinvolti saranno l’edilizia e quelli collegati, come l’ambito assicurativo, gli esperti e consulenti fiscali e legali, le società di progettazione e manutenzione, le società finanziarie, gli amministratori di condominio e i commercialisti.

Analizzando nel dettaglio, l’agenzia in queste settimane ha registrato percentuali di aumento di richieste di alcune tipologie di lavoratori legate all’agevolazione, tra cui: elettricisti (+13%), idraulici (+8%), caldaisti (+6%), operai edili (+6%), ingegneri (+5%), amministrativi (+4%), geometri (+3%), serramentisti (+3%), termoidraulici (+3%), carpentieri (+3%), contabili (+3%).

Inoltre, si prevede un impatto con percentuali a due cifre per tutto il 2021, svolgendo un ruolo di primo piano nella ripresa economica, con impatti positivi sul mercato del lavoro sia dal punto di vista di creazione di nuova occupazione, sia in termini qualitativi, visto che saranno richieste figure professionali maggiormente qualificate.

Leggi anche:

Manovra. Cisl e Filca: “Il superbonus del 110% diventi strutturale” Manovra. Cisl e Filca: “Il superbonus del 110% diventi strutturale”
Roma, 2 dicembre 2020 - “Anche la Cisl e la Filca Cisl auspicano che il Governo approvi le proposte che stanno arrivando da più parti circa l’...

Stampa