Approvato il decreto qualità dell’abitare. Le osservazioni della Cisl

15 dicembre 2020 - E' stato pubblicato il Decreto Interministeriale n. 395 del 16/09/2020 sulla 'Qualità dell’Abitare', che assegna 853,81 milioni di euro per gli interventi previsti dal Programma Innovativo Nazionale.
Il Programma mira alla riduzione del disagio abitativo, con particolare riferimento alle periferie, puntando alla riqualificazione e all’incremento del patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale, alla rigenerazione del tessuto socio-economico, al miglioramento dell’accessibilità, della sicurezza dei luoghi e ala rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici ed al miglioramento della coesione sociale e della qualità della vita dei cittadini.
Il Programma prevede che il periodo per la presentazione delle domande venga suddiviso in 2 fasi:
  • Fase 1: gli enti proponenti potranno accreditarsi sulla piattaforma qualitabitare.mit.gov.it, e venire a conoscenza, attraverso la pubblicazione del fac-simile dell’istanza, dei dati richiesti dalla procedura;
  • Fase 2: gli enti proponenti già accreditati potranno definire l’istanza inserendo i dati nella piattaforma, validarli e presentare l’istanza.

La Cisl, come già avvenuto in passato, accoglie positivamente l’approvazione di questo decreto che consente di mettere in campo risorse per il disagio abitativo e la rigenerazione urbana. Ben venga, quindi, per la Cisl, la previsione di un piano pluriennale di edilizia pubblica, così come è positiva l’intenzione di agire attraverso la rigenerazione di aree degradate, riconvertendo immobili e spazi inutilizzati pubblici e privati senza ulteriore consumo di suolo, ragionando anche su servizi e funzioni connessi all’abitare, su spazi collettivi e relazionali, guardando alla manutenzione del patrimonio edilizio, al miglioramento sismico, alla sostenibilità energetica, temi strettamente correlati nelle operazioni di rigenerazione.
Sul tema delle risorse, tuttavia, la Cisl esprime la propria perplessità, poiché ritiene gli stanziamenti non sufficienti per affrontare gli urgenti obiettivi che una condizione abitativa di forte criticità oggi pone.
Inoltre, visto che per fornire approfondimenti e chiarimenti, sono stati organizzati appositi webinar dedicati alle varie Regioni, Città Metropolitane e Comuni destinatari del Programma, il cui calendario è pubblicato sulla stessa pagina del Programma, che non specifica chi saranno i soggetti destinatari della partecipazione ai webinar stessi,  per la Cisl sarebbe utile che le strutture dei territori coinvolti si attivassero con le istituzioni locali per ottenere un accesso a questi incontri al fine di monitorare ed eventualmente fornire il loro attivo contributo alla realizzazione degli interventi messi a punto.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Qualita-dellabitare_Decreto-Interministeriale-n.-395-del-16.09.20.pdf)Decreto Interministeriale n. 395 del 16/09/2020793 kB

Stampa