• Grandi temi
  • Politiche di genere e giovani

Mutilazioni Genitali Femminili: sensibilizzazione ed educazione scolastica sono le armi migliori per combatterle

Febbraio 2017. Il 6 febbraio si celebra in tutto il mondo, la Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). Secondo i dati più recenti pubblicati dall’Unicef, sono almeno 200 milioni le donne e le bambine, in 30 Stati di Asia e Africa,  che hanno subito mutilazioni genitali femminili.
Il Parlamento europeo l’anno scorso ha stimato in 500.000 le donne e le bambine che vivono in Europa e che stanno soffrendo le conseguenze delle mutilazioni genitali femminili. 180 mila sono, inoltre. quelle a rischio ogni anno. L’eliminazione delle MGF rimane perciò un obiettivo prioritario nella strategia sullo sviluppo sostenibile dell’Unione Europea, obiettivo 5 dell’Agenda 2030. In Italia, nonostante la legge del 2006 che vieta e persegue gli autori di tali reati, sarebbero 35.000 le donne sottoposte a queste pratiche ed oltre mille bambine a rischio.
La Cisl è sempre più convinta che la sensibilizzazione e l’educazione scolastica sono le armi migliori contro questo drammatico fenomeno. Dal 2008 a oggi, infatti, oltre 15.000 comunità locali in 20 Stati hanno dichiarato pubblicamente l'abbandono delle MGF, oltre 2.000 comunità solamente nel 2015. Inoltre, 5 Stati hanno varato leggi nazionali per la messa al bando della pratica.
Finora, dunque, è stato fatto tanto ma si  può e si deve fare molto di più. Si procede ancora troppo lentamente e quindi occorre accelerare in questa direzione per invertire una tendenza che in termini assoluti continua a risultare ancora in crescita.  Per questo la Cisl, insieme al Coordinamento nazionale donne, è intenzionata a proseguire  la propria azione di informazione nei luoghi di lavoro avviata nel 2009 con la “Piattaforma sulla prevenzione della violenza sulle donne e i minori” e rilanciata nel 2011 con la Campagna permanente “MGF: Mutilazioni Giunte alla Fine”. 
La locandina prodotta dalla cisl in occasione della Giornata internazionale ha voluto concentrare l’attenzione soprattutto sulle bambine poiché è dalla più tenera età che molte donne iniziano a subire questo tipo di violenza. 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (50x70-2017-MGF-def_r.pdf)Locandina1826 kB

Leggi anche:

Giornata contro le mutilazioni femminili. Furlan: “Per debellare questa barbarie serve mobilitazione di tutta la comunità internazionale” Giornata contro le mutilazioni femminili. Furlan: “Per debellare questa barbarie serve mobilitazione di tutta la comunità internazionale”
Roma, 6 febbraio 2017. "Sono una vergogna le mutilazioni genitali femminili ai danni di bambine e donne. La Comunità internazionale e la società...
“Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili (MGF) o altre pratiche dannose” “Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili (MGF) o altre pratiche dannose”
Il Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato sul suo sito istituzionale una ricerca - a...
Mutilazioni Genitali. Cisl: Mutilazioni Genitali. Cisl: "Tra le 61 mila e le 80 mila donne presenti sul nostro territorio hanno subito qualche forma di mutilazione. Cisl ribadisce il suo 'no' contro queste pratiche"
Roma, 6 febbraio 2018.  "In linea con l’impegno permanente contro le Mutilazioni Genitali Femminili, attraverso la nostra specifica Campagna di...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa