• Grandi temi
  • Sociale e sanità

Povertà: rapporto Caritas 2015 e valutazione degli interventi in atto

Nonostante l'aumento dei bisogni legato alla crisi la spesa sociale ha segnato il passo e la spesa per la povertà resta inadeguata. La Cisl, per la quale  il dramma della povertà non è stato affrontato in modo sufficiente dai Governi degli ultimi anni,  condivide l'allarme lanciato dalla Caritas e l'urgenza di dotare il Paese di uno specifico strumento di contrasto alla povertà, così come l'esigenza di ricostruire un nuovo sistema di welfare. Per contrastare la povertà sono state messe in campo una serie di misure categoriali (Social Card, SIA, Asdi, bonus bebè) finanziate da risorse in misura irregolare con importante apporto di alcuni fondi europei (PON Inclusione, Fead) per il potenziamento dei servizi.

Per la prima volta Sindacati, Istituzioni e Organizzazioni Sociali si sono uniti nell’Alleanza contro la povertà in Italia ed hanno offerto al governo una misura a lungo elaborata, il Reddito d’Inclusione Sociale (REIS), che farebbe tesoro delle sperimentazioni sulla Social Card per introdurre un reddito minimo, richiederebbe per essere avviata un impegno di soli 1,8 miliardi di euro nel primo anno. A regime l’impatto sarebbe pari a circa 7 miliardi, con un forte impulso sui consumi, ma gli annunci governativi sembrano prendere un’altra strada.

Leggi anche:

Povertà. Bernava: Povertà. Bernava: "Mattarella ponga al Senato l'urgenza di approvare il DDL"
7 dicembre 2016- "I dati allarmanti sulla povertà in Italia pubblicati dall' Istat ci spingono, come Cisl, a lanciare un appello direttamente al...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa