1. Home
  2. »
  3. Notizie
  4. »
  5. Categorie ed Enti CISL
  6. »
  7. Istruzione. Gissi (Cisl Scuola): “Bene l’autorizzazione...

Istruzione. Gissi (Cisl Scuola): “Bene l’autorizzazione alle assunzioni, ora accelerare i tempi. Ma serve un progetto a regime sul reclutamento”

Pubblicato il 16 Lug, 2021

“Accogliamo con grande soddisfazione l’avvenuta autorizzazione, da parte del MEF, per un numero di assunzioni in ruolo che corrisponde praticamente a quello di tutti i posti attualmente vacanti, sia di tipo comune che di sostegno”.Così Maddalena Gissi, Segretaria generale Cisl Scuola in una nota. ” Saranno infatti 112.473 le assunzioni autorizzate, – spiega – e se anche non si raggiungerà l’obiettivo di effettuarle tutte, vi sono le condizioni per cogliere pienamente tutte le opportunità consentite dalle procedure straordinarie previste dalle modifiche al decreto sostegni bis, grazie alle quali in mancanza di aspiranti nelle graduatorie concorsuali e nelle GAE si potrà attingere dalla I fascia delle GPS. Per il personale in possesso del titolo di specializzazione, che comprenderà anche i nuovi ingressi negli elenchi aggiuntivi per chi consegue in titolo entro fine luglio, la procedura straordinaria contribuirà a colmare almeno in parte il numero elevatissimo di posti scoperti nell’organico di sostegno, garantendo maggiore stabilità e continuità didattica.
È importantissimo avere ottenuto finalmente il via libera alle assunzioni, ora è fondamentale accelerare al massimo le procedure di nomina, a partire dalla definizione dei contingenti da attribuire alle diverse regioni, per consentire un avvio quanto più possibile regolare del nuovo anno scolastico.
Resta in ogni caso più che mai indispensabile riprendere un confronto complessivo sul reclutamento, nel senso indicato dal Patto per la scuola al centro del Paese, per delineare in prospettiva, in modo condiviso, soluzioni non più estemporanee o straordinarie, che garantiscano alle scuole in modo regolare un’efficace copertura del reale fabbisogno con risorse qualificate e stabili” conclude la Gissi.

Condividi