Biagi. Furlan: "Ha pagato con la vita per difendere le proprie idee"

marco biagiRoma, 19 marzo 2019 - "E' sempre importante ricordare, soprattutto ai più giovani, il sacrificio di tanti intellettuali che hanno pagato con la vita il coraggio di difendere le proprie idee". E' quanto sottolinea oggi in un intervento su Il Foglio, la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ricordando il barbaro assassinio di Marco Biagi, "l’uomo che con il suo “Libro bianco” si era impegnato a cambiare le condizioni del mercato del lavoro e che la Cisl stimava, pur nella nostra autonomia di opinioni, come si deve stimare chi si misura sul serio per garantire situazioni di progresso sociale ed economico nel nostro paese", aggiunge la leader Cisl.
"Marco Biagi e anche Ezio Tarantelli giustamente predicavano l’importanza del dialogo sociale ed il "primato" della contrattazione sulla legge, attraverso un ruolo responsabile delle parti sociali che resta l'elemento centrale per il rafforzamento del lavoro e per far crescere il salario e la produttività delle imprese", aggiunge la Furlan. "Per questo siamo convinti che oggi Biagi, e probabilmente anche Tarantelli, non sarebbero stati d'accordo sull'introduzione del salario minimo per legge, cui pensa il Governo Conte, perché il problema oggi è quello di estendere i contratti, anche a quella parte del mondo del lavoro priva di tutele, diritti, previdenza, assistenza sanitaria. Il meglio del giuslavorismo italiano è sempre venuto dagli accordi sindacali".

Secondo la leader Cisl, "l'errore più grande che è stato compiuto da tutti i Governi in questi anni è stato quello di voler intervenire con le leggi sulle materie e sulle regole del lavoro, pensando che solo da queste scaturisse una maggiore crescita ed una maggiore occupazione. Riforme calate dall’alto con misure legislative che invece dovrebbero affermarsi nel confronto e nel negoziato autonomo e libero tra le parti sociali, imprese e lavoratori. Ecco perché vogliamo completare nelle prossime settimane il "patto della fabbrica" con la Confindustria e le altre associazioni imprenditoriali. Le parti sociali hanno il dovere di indicare una propria ed autonoma ricetta economica e sociale al Governo ed alla politica, in vista anche delle scadenze europee e delle scelte difficili che il nostro paese dovrà compiere per evitare una nuova fase di recessione".

Leggi anche:

Biagi. Furlan: Biagi. Furlan: "Era un vero riformista. Non va mai dimenticato il suo barbaro omicidio" 
Roma, 19 marzo 2018.  "Oggi ricordiamo Marco Biagi, un vero riformista, intellettuale libero, sostenitore del dialogo sociale per conciliare le...

Stampa