Povertà. "Con il REI ritorno economico positivo per il paese, ma servono più risorse"

poverta7Roma, 6 settembre 2017- “E’ molto importante che per la prima volta sia stato introdotto nel nostro paese il REI, il Reddito di Inclusione Sociale, una misura strutturale, di giustizia rispetto alle persone più povere. Ma per raggiungere i 5 milioni di poveri presenti in Italia occorrono 7 miliardi di euro in un piano triennale”. Lo dichiara in una nota la Segretaria confederale della Cisl, Giovanna Ventura.
“Teniamo conto che finalmente stiamo uscendo da anni di profonda crisi, una crisi che ci restituisce circa 5 milioni di poveri. Il REI dovrebbe raggiungere questa vastissima platea di persone ma purtroppo il primo stanziamento previsto è di circa 1 miliardo ed 800 milioni e lo stesso importo è stanziato per il prossimo anno: troppo poco! L’Alleanza contro la povertà, di cui anche la Cisl fa parte,  ha dimostrato che per rendere universale e raggiungere tutti e 5 milioni di indigenti occorrerebbero 7 miliardi in un percorso triennale. E’ evidente che il REI  può restituire dignità alle persone che purtroppo spesso in stato di povertà si sentono emarginate. Inoltre, gli economisti e la Banca d’Italia sostengono che esso possa anche contribuire alla ripresa economica del Paese, fungendo da volano per aumentare i consumi e quindi il Pil”.
 

Leggi anche:

Alleanza contro la Povertà: “Per la lotta alla povertà in Italia siamo al momento decisivo” Alleanza contro la Povertà: “Per la lotta alla povertà in Italia siamo al momento decisivo”
Roma, 6 settembre 2017. L’introduzione del Reddito d’inclusione (Rei) è un’importante innovazione strutturale che riprende numerosi aspetti...

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.