Sicurezza. "Presenza immigrati non rappresenta un pericolo ma un arricchimento sociale e culturale"

hand 1137977 1920Roma, 16 gennaio 2018.  "La presenza degli immigrati nel nostro paese non è in crescita e non rappresenta un pericolo per la società italiana, anzi, è un arricchimento economico e culturale, come ha detto più volte Papa Francesco. Per questo bisogna promuovere il dialogo a partire da quello religioso, per favorire una piena integrazione". Lo ha detto oggi il Segretario Confederale della Cisl, Andrea Cuccello, concludendo presso la sede nazionale della Cisl un Focus sull’immigrazione, dedicato al dialogo interreligioso, organizzato dal Dipartimento internazionale della Cisl, guidato da Nino Sorgi. 
L’incontro, cui ha partecipato anche il Segreterio Confederale della Cisl, Angelo Colombini, era il secondo dei quattro appuntamenti tematici programmati nel corso del 2018 in materia di immigrazione. 
Il focus ha visto la presenza come relatore del Prof. Paolo Branca, docente di Lingua e Letteratura Araba e di Islamologia presso l’università del Sacro Cuore di Milano, oltre a Giuseppe Gallo, Presidente della Fondazione Tarantelli che nella sua relazione introduttiva ha ricordato le esortazioni di Papa Francesco a considerare il dialogo interreligioso come una condizione necessaria per la pace nel mondo e l’integrazione delle popolazioni migranti. 
Il Prof. Branca ha evidenziato nella sua relazione che il tema delle religioni e dell’identità nazionale sta drammaticamente tornando a galla come unica fonte di certezza a cui ci si possa aggrappare in un mondo che non è stato capace di accogliere e gestire la globalizzazione ed ha spiegato come sia possibile superare le difficoltà attraverso una corretta informazione ed un corretto uso dei media.
“La Cisl non ha paura del confronto e del dialogo”, ha affermato il segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini- “perché è convinta che la diversità sia un valore fondamentale per dare dignità alla persona, senza perdere le proprie origini. Bisogna continuare su questa strada, fondamentale per una integrazione rispettosa dei valori culturali ed etici ". 
Da parte sua Andrea Cuccello, segretario confederale Cisl, ha chiuso i lavori sottolineando come “la crisi economica e la disillusione della politica, hanno diffuso tra le persone un senso di incertezza e di paura che costituisce il brodo di coltura dei populismi e contribuisce alla falsa narrazione sul problema dell'immigrazione”. 
"Occorre costruire un' Europa più coesa e solidale ed il sindacato può dare un forte contributo per combattere la xenofobia ed i rigurgiti di razzismo che circolano anche nel nostro paese, attraverso la diffusione dei valori della tolleranza e dell'integrazione a partire dalla scuola e dai luoghi di lavoro". 

Leggi anche:

Immigrati: Furlan: Immigrati: Furlan: "I governatori del nord sbagliano. Un modo di fare inconcepibile che non risponde neanche alla legge"
  "Assolutamente sbagliata" per il Segretario generale della Cisl, la decisione del governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni,...
Immigrati, Furlan: Immigrati, Furlan: "Accoglienza e coesione sociale siano il nostro agire quotidiano"
Lettera aperta di Annamaria Furlan sulla questione dell'immigrazione "che sta diventando sempre di più una grande emergenza umanitaria. In continuit...
Giornata mondiale del rifugiato. Furlan: Giornata mondiale del rifugiato. Furlan: "Ha ragione Mattarella: la dignita' delle persone va sempre tutelata"
Roma, 20 giugno 2018. "Siamo pienamente d'accordo con il messaggio del Presidente della Repubblica, Mattarella sul dovere dell'accoglienza. Il tema...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa