• Grandi temi
  • Servizi, terziario e agroalimentare

Turismo. Varato dal Consiglio dei Ministri il cosiddetto “Decreto cultura”. Sintesi e commento della Cisl


 Giovedì 22 maggio 2014 il Consiglio dei ministri ha varato il cosiddetto “Decreto cultura” recante “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo".
Con questo provvedimento si introduce “l’artbonus”, un sistema di incentivi fiscali, sul modello degli ecobonus, a favore dei privati che decidono di fare donazioni, mecenatismo ecc. con un credito d’imposta del 65% in 3 anni. Inoltre il decreto concede un credito d’imposta del 30% per le spese sostenute dalle strutture ricettive per la digitalizzazione e per la ristrutturazione degli alberghi. È anche raddoppiato il tetto massimo al Tax credit per le produzioni cinematografiche, che passa da 5 a 10 milioni di euro, la dotazione complessiva del fondo arriva così da 110 a 115 milioni. Il Decreto, poi, istituisce un commissario all’Agenzia nazionale per il turismo. In particolare sono previste misure specifiche anche per Pompei, la Reggia di Caserta, il turismo e il cinema. Per Pompei ci saranno 20 nuovi progettisti, oltre ad altre misure volte ad accelerare la progettazione senza toccare i controlli di trasparenza e legalità. Per affrontare il problema di grave degrado in cui versa la Reggia di Caserta, oggi occupata al 20% dal museo e all’80% dalle istituzioni, si prevede la nomina di un commissario

La sintesi del Decreto ed un commento a cura del Dipartimento Terziario e Servizi della Cisl

 



Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.