• Grandi temi
  • Fisco e previdenza

Analisi dichiarazioni dei redditi 2015

Il Ministero dell’Economia ha diffuso nei giorni scorsi i dati riferiti alle dichiarazione dei redditi 2015. Dall’analisi emerge innanzitutto un evidente squilibrio nell’addizionale regionale e comunale, pagata quasi interamente dai lavoratori e pensionati. Dopo la stagione federalista con l’approvazione della legge delega e dei decreti attuativi, i dati ci restituiscono la fotografia di un assetto della fiscalità locale che necessita di una revisione complessiva e ponderata e non ispirata all’emergenza del momento. Anche il “blocco” degli aumenti delle addizionali, confermato anche per quest’anno dalla Legge di Bilancio per il 2017, non può essere considerata una soluzione strutturale, nonostante ponga un freno ai continui incrementi, a beneficio in particolare dei redditi più bassi, come richiesto dalla Cisl.
La distribuzione delle detrazioni per redditi da lavoro e da pensione, per carichi familiari e per le spese sanitarie evidenzia l’esigenza di una azione ridistributiva a favore delle fasce di reddito medio e basso. Contemporaneamente, non possiamo trascurare la circostanza che la maggiore iniquità prodotta dal sistema fiscale è quella generata da chi le imposte le evade, beneficiando anche di servizi agevolati. 
L’insieme dei dati fornisce, quindi, spunti di riflessione e di approfondimento in previsione della prossima manovra di aggiustamento dei conti pubblici ed indicazioni di politica fiscale che la Cisl intende utilizzare per chiedere al Governo l’avvio di una riflessione orientata ad una revisione complessiva del nostro sistema tributario, anche al fine di rimuovere l’elevata segmentazione fra categorie e classi di reddito che si è andata acuendo negli ultimi anni, sia per effetto della perdurante crisi economica, sia per la progressiva stratificazione di misure utili ma adottate al di fuori di un disegno organico di politica fiscale.
Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (NotaDichiarazioni2017.pdf)Nota dichiarazioni86 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa