Incontro sul Masterplan e le politiche per il Mezzogiorno

Si è svolto lo scorso 5 ottobre l’incontro con i rappresentanti del Governo sul Masterplan e le politiche per il Mezzogiorno.
La riunione fa parte di un percorso di confronto attivato a partire dallo scorso maggio, che è frutto del lavoro comune tra CGIL CISL UIL e Confindustria, ed ha l’obiettivo di verificare, una volta conclusa la stipula della quasi totalità dei Piani del Masterplan per il Sud:
• la coerenza dei piani stessi con le linee tematiche proposte nel documento di indirizzo dei Masterplan
• la qualità dei progetti ai fini di una effettiva capacità di ottenere attraverso questi interventi miglioramenti strutturali delle condizioni socio/economiche dei territori del Sud
• la complementarietà e coerenza con la programmazione sia dei fondi strutturali che del Fondo per lo sviluppo e la coesione
• l’attivazione di una più diffusa azione di monitoraggio della realizzazione degli interventi e della loro tempistica.
Hanno partecipato al confronto il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, che ha convocato la riunione , il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, il Vice Ministro allo Sviluppo Economico Teresa Bellanova, il Capo di Gabinetto del Ministero dei Beni Culturali Gianpaolo D'Andrea, il Capo di Gabinetto del Ministero delle Politiche Agricole Ferdinando Ferrara.
L’ampio coinvolgimento di rappresentanti dei ministeri responsabili dell’attuazione delle attività programmate nelle regioni meridionali rappresenta un indubbio segnale positivo dell’impegno del Governo di voler concretamente rafforzare le azioni finalizzate alla effettiva e celere realizzazione dei progetti d’investimento. I rappresentanti dei diversi Ministeri hanno illustrato per grandi linee le attività previste per il Sud comprensivi dei programmi nazionali dei fondi strutturali e condiviso la comune preoccupazione per le difficoltà di gestione amministrativa che si riscontrano e data piena disponibilità ad un maggiore coinvolgimento delle parti sociali nel monitoraggio e gestione dei progetti finanziati.
La Cisl ha evidenziato nella riunione la necessità di dare una veste più formale e stabile ai prossimi appuntamenti, e che per realizzare una azione di monitoraggio più efficace è indispensabile favorire un maggiore coinvolgimento delle parti sociali anche a livello regionale. Un diffuso partenariato tra il livello nazionale e locale può infatti contribuire a contrastare i cronici ritardi nella spesa delle risorse e ad assicurare maggiore coerenza e rigore nella gestione delle stesse. La Cisl ha inoltre chiesto di verificare l’intreccio tra le iniziative di Industria 4.0 e del Piano Casa con i programmi già attivati e previsti per il Sud e sollecitato la necessità di un prolungamento della decontribuzione per le assunzioni nel mezzogiorno da inserire nella prossima Legge di stabilità.
Nella sua replica il sottosegretario De Vincenti ha affermato che il Governo condivida la preoccupazione sul rischio di eccessiva lentezza nella realizzazione di opere e progetti e confermato la volontà di proseguire e dare stabilità al confronto e dichiarato l’impegno a sollecitare tavoli di confronto sul Masterplan con le parti sociali a livello locale (regionale e delle città). Infine sulla decontribuzione ha riferito che vi sono delle verifiche in corso per valutare le condizioni di un possibile prolungamento nel 2017 e che la decisione sarà presa all’interno degli equilibri della Legge di Stabilità in discussione.
La scelta di condividere una posizione e promuovere iniziative comuni con la Confindustria sul Masterplan e sulla gestione dei Fondi europei per il Sud e di sollecitare congiuntamente su questo un tavolo di confronto con il Governo si è dimostrata una scelta giusta che sta dando primi risultati.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.