Legge di bilancio 2018: misure per la coesione territoriale e il Mezzogiorno

La legge 27 dicembre 2017- N° 205,  art.1 commi 892- 900, prevede quattro  misure per la coesione territoriale ed il Mezzogiorno. Attraverso esse  sostanzialmente si proseguono politiche e azioni già in essere, giudicate dalla CISL positivamente. In termini finanziari, c’è  un solo stanziamento aggiuntivo che riguarda aree interne disagiate dell’intero Paese, mentre principalmente si opera attraverso la redistribuzione di risorse già assegnate precedentemente.

Credito d’imposta per gli investimenti per il sud – co. 892
Si dispone un incremento di  200 mil. di Euro per l’anno 2018 e 100 mil. per l’anno 2019 dei finanziamenti per il credito d’imposta per gli investimenti, necessari per rispondere alla domanda crescente proveniente dalle imprese dopo l’ampliamento del dispositivo già effettuato in precedenti leggi. Le risorse purtroppo non sono nuovi finanziamenti ma frutto di una riduzione delle risorse dell’FSC 2014-2020
Tale msiura, sostenuta dalla Cisl, sta favorendo, stimolando, ulteriori investimenti privati da parte delle imprese.

Proroga delle agevolazioni  per le  assunzioni a tempo indeterminato nel Mezzogiorno- co. 893-894
Si dispone che la decontribuzione al 50%, per i giovani, prevista dai precedenti commi 100-108 della medesima legge,  possa essere portata nelle regioni del sud al 100% e anche estesa a soggetti disoccupati di almeno 35 anni. La durata di questo incentivo è per il solo 2018 e il tetto massimo annuo procapite è di 8.060 Euro.
 In sintesi i commi dispongono che per le regioni del Mezzogiorno, per il 2018, possa essere  prolungata la decontribuzione  del cosiddetto Bonus Sud per le assunzioni a tempo indeterminato.
Si utilizzano i finanziamenti dei  programmi operativi nazionali FSE e di quelli complementari, attraverso una eventuale rimodulazione  degli stessi .
La legge quindi non  stanzia risorse aggiuntive, per la  proroga di 1 anno, del bonus attualmente attivo. E’ bene sottolineare che bonus Sud già ad ottobre  2017 aveva favorito 100.000 assunzioni a tempo indeterminato, di cui oltre 48.000  di lavoratori  tra i 29 e 55 ed oltre. Il dispositivo, che la Cisl ha richiesto e sostenuto, si continua a dimostrare efficace per cui ritiene che  occorra estenderlo, aggiungendo anche risorse nazionali,  a tutto il  periodo della programmazione dei fondi, ovvero fino al 2020, scelta preferibile per continuare a sostenere l’ occupazione al sud e per dare certezza alle imprese.

Integrazione finanziamento per le aree interne - co. 894-896
E’ attivo in tutto il paese  un programma di sviluppo per aree interne, finanziato dai fondi Sie (che cos’è il sie)e da  precedenti leggi finanziarie. Le risorse, attraverso l’attuale legge di Bilancio, vengono  incrementate di 30 milioni di Euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020 e di circa 31,18 milioni per il 2021.
L’effetto di questo ulteriore finanziamento porta le risorse  complessive a: 16 mil. per il 2015, 60 mil. per il 2016, 94 mil. per il 2017, 20 mil. per il 2018, 30mil. per il 2020 e 31,18 per il 2021.
Il programma per le aree interne è orientato a favorire sia lo sviluppo dell’ occupazione che di servizi essenziali, contrastando la marginalità determinata dallo scarso collegamento delle aree oggetto di intervento. Occorre che in ogni regione venga effettuato un monitoraggio sull’avanzamento dei progetti nelle  aree individuate.

Fondo per  imprese Sud- co. 897-900
Viene istituito il  Fondo imprese sud, con lo scopo di favorire la  crescita dimensionale delle PMI.  Il piccolo finanziamento (150 mil. di euro)  non è aggiuntivo, ma tratto dal Fondo sviluppo e coesione. Il Fondo imprese sud sarà gestito attraverso una apposita convenzione con  Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo spa.- che può avvalersi per operare anche della Banca per il mezzogiorno.
Il meccanismo di finanziamento delle imprese prevede che il soggetto gestore attraverso procedure di pubblica evidenza possa ricorrere ad investitori privati che contribuiscono ad incrementare le risorse del fondo stesso.
Apprezzabile lo stimolo alla crescita dimensionale, infatti, le ridotte dimensioni delle imprese sono una criticità del  sistema industriale del paese, maggiormente accentuata nelle regioni del Sud. Difficile comprendere l’efficacia dello strumento viste anche le modeste risorse allocate.

Conclusioni
La CISL apprezza le misure previste nella Legge di Bilancio che rafforzano alcuni provvedimenti già in essere, tuttavia sottolinea che, per quanto il mezzogiorno abbia avuto un andamento economico positivo in questi ultimi 2 anni e le misure disposte , in particolare il bonus occupazione, si siano dimostrate efficaci, gli interventi in essere pur andando  nella giusta direzione non sono sufficienti. La legge di bilancio, occorre evidenziarlo, non investe ulteriori risorse per il SUD. La scarsità di opportunità di occupazione nelle  regioni meridionali rimane un grave problema del paese, e porta con se povertà e nuove migrazione soprattutto dei giovani. Essa  non può che essere affrontata aumentando la entità della spesa ordinaria per investimenti effettuata a sud, incrementando la capacità di utilizzo delle risorse già disponibili ed accentuando gli stimoli, le verifiche ed i supporti affinché esse siano impiegate   in tempi rapidi e definiti. 

Leggi anche:

Incentivo occupazione Mezzogiorno:  decreto ANPAL Incentivo occupazione Mezzogiorno: decreto ANPAL
2 febbraio 2018. L’ANPAL ( Agenzia nazionale politiche attive per il lavoro) ha pubblicato il decreto di attuazione dell’ incentivo occupazione...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa