1. Casa
  2. /
  3. Notizie
  4. /
  5. Dai Territori
  6. /
  7. Dai Territori > Toscana
  8. /
  9. “Toscana. Recce (Cisl): “Non...

“Toscana. Recce (Cisl): “Non basta far quadrare il bilancio, bisogna costruire lo sviluppo o il dopo pandemia sarà un incubo”

Pubblicato il 20 Dic, 2021

“Ancora non abbiamo capito se il prossimo bilancio regionale sarà fatto di tagli o espansivo. Di certo sappiamo bene quello di cui ha bisogno la Toscana: bloccare la perdita di posti di lavoro e costruire nuovo sviluppo, altrimenti il dopo pandemia sarà un incubo economico e occupazionale.” A dirlo è il segretario generale della Cisl Toscana, Ciro Recce, che avvisa: “continuando a discutere solo di come far quadrare il bilancio, rischiamo di soffermarci a guardare al dito anziché alla luna.”

“E’ inevitabile – afferma Recce – voler presentare un bilancio in ordine, ma non può bastare. La Regione non si è confrontata quest’anno con le parti sociali e dunque non sappiamo quali siano le reali intenzioni della giunta; per questo siamo preoccupati per il botta e risposta su possibili tagli che continuiamo a leggere sulla stampa, perché rischierebbero di frenare il recupero dal tracollo del 2020 e di erodere i diritti delle persone. Comunque sia, aggiustare le varie poste di spesa per centrare l’equilibrio contabile non può esaurire l’impegno della politica: occorre alzare lo sguardo e, insieme alle forse economiche e sociali, decidere le azioni necessarie per dare gambe alla ripresa e allo sviluppo.”

“I fondi del Pnrr – aggiunge il segretario Cisl – prima di tutto vanno intercettati; e poi, non dimentichiamolo, solo una parte delle risorse è a fondo perduto, mentre le altre vanno restituite: un’impresa impossibile se non riusciremo a creare sviluppo e occupazione.”

“Insomma – conclude Recce – non ignoriamo che viviamo una fase di emergenza, ma dobbiamo oggi costruire il modo per uscire da questa fase, portando avanti sviluppo e occupazione, perché solo così il dopo pandemia sarà buono per imprese e persone.”

Condividi