1. Home
  2. /
  3. Notizie
  4. /
  5. Primo Piano
  6. /
  7. Recovery Plan. Cgil Cisl...

Recovery Plan. Cgil Cisl Uil incontrano il Premier Draghi. Sbarra: Occorre un patto sociale per la crescita, il lavoro, gli investimenti, le riforme”

Roma, 20 Arile 2021 – “E’ stato un incontro positivo. Il confronto proseguira’ nelle prossime settimane sui contenuti del piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), per verificare le ricadute economiche ed occupazionali ed accompagnare in un contesto di piena partecipazione l’attuazione concreta del piano e le necessarie riforme”. Così il Segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra,  al termine del tavolo a Palazzo Chigi con il premier Draghi ed il ministro dell’Economia, Daniele Franco, cui ha partecipato insieme ai segretari generali di Cgil e Uil, Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri. “Abbiamo chiesto inoltre – ha aggiunto il leader della Cisl – che le parti sociali siano impegnate nelle “governance “per seguire tutte le fasi di attuazione, attraverso il monitoraggio e la verifica costante sulle missioni e azioni del Piano, il rispetto dei tempi, le necessarie verifiche sui trasparenza e legalità”. “Il Pnrr e’ ancora in fase di elaborazione,  – ha spiegato  Sbarra affermando di aver chiesto al premier insieme a Cgil e Uil di “non allontanarsi dalle indicazioni programmatiche dei contenuti indicati dalla commissione” e che pertanto “la Cisl ha altresì sollecitato che la fase di attuazione degli investimenti e le necessarie riforme possa essere sostenuta con un “patto sociale” capace di mettere in priorità”questi temi crescita ed investimenti, lavoro e Mezzogiorno , innovazione e ricerca riforme del fisco e pensioni , scuola e Pubblica Amministrazione, sanità e politiche sociali, politica industriale ed infrastrutture materiali ed immateriali”. (VIDEO)

Inoltre “abbiamo chiesto di entrare nel dettaglio dei progetti perche’ siamo fortemente interessati a conoscere i risultati attesi e le ricadute sociali occupazionali del piano” ha aggiunto il leader della Cisl informando che “dal presidente del Consiglio c’è stata grande disponibilità. Draghi ci ha parlato della necessità che sull’attuazione del piano ci sia una mobilitazione collettiva e che il governo è disponibile ad interloquire in maniera permanente con le parti sociali e le forze politiche nazionali e locali”.
Circa la richiesta delle tre confederazioni su una ulteriore proroga, oltre giugno, del blocco dei licenziamenti, il tema sarà affrontato domani in un doppio appuntamento con il ministro Orlando cui parteciperanno i tre segretari generali di Cgil Cisl, Uil. In mattinata il round sullo sblocco dei licenziamenti, nel pomeriggio,quello sulla riforma degli ammortizzatori sociali. “Lo sblocco è vicinissimo” ha ricordato Sbarra. “Dobbiamo riallontanarlo quanto più è possibile” ha concluso.

Leggi anche:

Lavoro: Sbarra: “Le donne possono essere un motore della ripresa. Con Recovery Plan abbiamo le risorse finalmente per una svolta sul lavoro
Lavoro. Sbarra: “Prorogare le tutele perché il quadro drammatico non si trasformi in disastro, ma avviare insieme piano straordinario di politiche attive e investimenti Recovery plan”
Recovery Plan. Sbarra: “Anche le parti sociali nella ‘governance’ dei progetti”
“Recovery, il governo dialoghi. Le parti sociali vanno coinvolte”. Intervista a Luigi Sbarra, ‘Il Mattino’ del 3 aprile 2021
Lavoro. Sbarra: “Crisi grave dal Nord al Sud. Prolungare blocco licenziamenti fino a fine emergenza sanitaria. Ma aprire anche confronto con Draghi su lavoro, Recovery plan, investimenti”
Industria. Sbarra: “Serve un piano di rilancio con i fondi del Recovery e risolvere i 130 tavoli di crisi che coinvolgono 250mila lavoratori”
Lavoro. Sbarra: “Ora serve confronto su Recovery Plan, investimenti, tutele dai licenziamenti, sostegni al reddito, formazione”
Recovery. Sbarra: “Stiamo chiedendo l’apertura di un tavolo per discutere piani di dettaglio e governance”
“Adesso Draghi convochi il sindacato sul Recovery Plan”, intervista a Luigi Sbarra ‘Il Dubbio’ del 16 aprile 2021

Condividi