Contratti. Calzaturiero: siglata l'ipotesi di accordo. Ora si attende il parere dei lavoratori

calzaturificio27 Aprile 2017 - Siglata nella notte l'ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto 2016-2019 del settore calzaturiero, scaduto il 31 marzo 2016. L'intesa tra Assocalzaturifici-Confindustria e i sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, prevede un aumento complessivo pari a 90 euro (minimi e welfare contrattuale).  "Una trattativa complessa, non priva di conflitti" secondo la Femca Cisl " che però ha dato vita a un'intesa molto positiva per gli oltre 8.000 addetti del settore. Finalmente introdotto il fondo di assistenza sanitaria integrativa, con un contributo di 12 euro a carico delle imprese, e con un aumento di 8 euro sul fondo di previdenza complementare. A questi si aggiungono gli incrementi salariali per un totale di 90 Euro nei tre anni. Positivo il responso anche sul piano dei diritti e delle relazioni industriali, con iniziative volte alla valorizzazione delle produzioni madeinItaly e incentivanti il reshoring". "

Anche in questo contratto abbiamo superato quelle difficoltà, soprattutto in tema di salario, trovando una soluzione condivisa tra le parti e ripristinando quel clima di buone relazioni industriali solido e partecipativo che ha contraddistinto il settore in tutti questi anni". Mario Siviero, Segretario nazionale Comparto Moda. 

L’intesa prevede un aumento complessivo pari a 90 euro (minimi e welfare contrattuale). L’aumento sui minimi salariali è di 70 euro (4° liv.), suddiviso in tre tranche: dal 1° aprile 2017, 25 euro; dal 1° aprile 2018, 25 euro; dal 1° aprile 2019, 20 euro. 
Sul versante del welfare contrattuale, viene finalmente istituito il Fondo integrativo sanitario di settore: 12 euro a carico delle imprese, di cui 8 euro dal 1° gennaio 2019 e 4 euro dal 1° settembre 2019. Previsto inoltre un incremento (+0,5% euro, circa 8 euro), a partire dal 1 gennaio 2019, per il Fondo pensionistico complementare “Previmoda”, sempre a totale carico delle imprese.
Per tutte quelle imprese che ancora non esercitano la contrattazione di 2° livello, viene riconosciuto un elemento di garanzia retributiva: 200 euro dal 2017; 250 euro dal 2018; 300 euro dal 2019.

L’intesa  sarà ora sottoposta alle assemblee dei lavoratori per la definitiva approvazione.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa